Mourinho piange dopo aver sconfitto il Leicester City in Conference League: Champions League

Di solito sono lacrime di rabbia. Ma questa volta, Jose Mourinho si è lasciato per qualche lacrima di gioia. Giovedì la Roma ha battuto il Leicester City nelle semifinali di Conference League. Dopo il pareggio in Inghilterra, gli azzurri conquistano la rimonta grazie a un immancabile gol di Abraham. Questo permetterà loro di affrontare il Feyenoord in finale a Tirana il 25 maggio.

Quale è il risultato che ha sciolto il precedente Alspecial One. Sul campo in fermento, abbiamo visto il portoghese piangere con ustioni e lacrime tra le braccia della sua squadra. immagine rara. “Sono molto commosso. Per noi è la nostra Champions League”È iniziato dopo l’incontro. “Quando lavori a Roma, vivi a Roma e respiri Roma, senti questo club perché è il vero club della città. Fin dal primo giorno ho sentito che era enorme. Nonostante non abbia molti trofei e glorie .”

In effetti, il tesoro non è ben fornito. L’ultimo titolo di Serie A risale al 2001 e l’ultima Coppa Italia del 2008. “Certo che la nostra squadra è cresciuta poco a poco. Ma siamo riusciti a costruire una squadra vera che è riuscita a battere la squadra della Premier League” Si è congratulato con se stesso.

Tuttavia, è sorprendente vedere Mourinho piangere per la terza coppa nella gerarchia europea. Soprattutto se si sa che ha vinto due volte il campionato di C1 con Porto e Inter. “Ovviamente ho avuto più momenti e più trofei nella mia carriera. Ma non mi interessa. Mi importa della città, dei tifosi e dei giocatori”.

Dopo ripetuti fallimenti (Manchester United, Tottenham), Mourinho sembra ritrovare il suo splendore nella Città Eterna. Nonostante i suoi alti e bassi, il giallorosso è quinto in campionato. Soprattutto giocherà la prima finale europea dalla creazione della Lega Europea (i romani hanno giocato una finale in Coppa delle Coppe e in Coppa dei Campioni 83/84 nel 90/91).

READ  Tennis: Felix Auger-Aliassime rinuncia alla sua prima partita a Toronto

Dal canto suo, Elmo passerà un po’ di più alla storia quando diventerà il primo allenatore a giocare in quattro finali europee con quattro squadre diverse.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.