Monkeypox: un caso in un asilo nido nel Bernese

Un lavoratore di un asilo nido nel cantone di Berna è risultato positivo al vaiolo delle scimmie. Sono stati avvisati i genitori del gruppo di bambini. Martedì la direzione cantonale della sanità ha dichiarato che il rischio di trasmissione è considerato molto basso.

Il gruppo in questione all’interno del nido è composto da otto bambini e due adulti. I genitori dei bambini piccoli sono stati avvisati dall’amministrazione dell’asilo nido e mercoledì riceveranno una nuova telefonata dal servizio medico cantonale.

Tutti i bambini possono continuare a venire all’asilo. La situazione è stata discussa con l’Ufficio federale della sanità pubblica (OFSP), che determina la provincia. Il servizio medico nel cantone opera secondo le linee guida internazionali.

Il numero di casi di vaiolo delle scimmie in Svizzera ha superato domenica scorsa la soglia dei 400, con 416 casi, secondo un censimento dell’Ufficio federale della salute. Il monitoraggio del vaiolo delle scimmie è iniziato il 21 maggio. La malattia è stata segnalata dal 20 luglio.

Attualmente, l’Ufficio federale della sanità pubblica considera moderato il rischio per la popolazione, sebbene la tendenza sia in lieve aumento. Il gruppo di popolazione attualmente più colpito è il gruppo di uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. La trasmissione da persona a persona avviene attraverso uno stretto contatto fisico. /ATS-gamba

READ  Niqab in tribunale: sentenza sulla conoscenza

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.