Mirare a una centrale elettrica in Crimea con un attacco di droni

Le autorità della penisola di Crimea, annessa alla Russia, hanno annunciato giovedì di aver preso di mira nella notte una centrale elettrica con un attacco di droni, che non ha causato gravi danni.

“Oggi c’è stato un attacco aereo senza pilota alla centrale termica di Balaklava”, ha detto il governatore di Sebastopoli Mikhail Razugaev su Telegram. “Il trasformatore ha subito lievi danni. Non ci sono stati feriti”, ha aggiunto.

Il sig. Razugaev ha spiegato che “non vi è alcun pericolo per la fornitura di elettricità” e che “l’incidente non pregiudica la fornitura di elettricità a Sebastopoli e nella penisola”.

Ha detto che il trasformatore della stazione, che ha preso fuoco, “era in manutenzione e non funzionante”, aggiungendo che “i lavoratori della stazione sono stati in grado di affrontare rapidamente l’incendio”.

La sua dichiarazione arriva mentre l’Ucraina continua la sua controffensiva nel sud del Paese.

Le forze russe hanno intensificato i loro attacchi contro le infrastrutture energetiche dell’Ucraina nelle ultime settimane.

La Russia ha annesso la Crimea nel 2014 e Kiev punta a riconquistarla.

READ  Norvegia: crolla il ponte stradale, nessun ferito

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.