Mantenimento del Fondo di solidarietà a giugno: “Questo è un grande impulso”, Restaurant Trust

“Una notizia molto buona che cambierà completamente la situazione finanziariamente. Lunedì a mezzogiorno, Carole, manager del ristorante italiano La Cucina, ad Hauts-de-Seine, è contenta mentre lavora in cucina e nel registratore di cassa. Dietro il suo maschera, appare un sorriso di sollievo Ora potrai contare sull’aiuto del Fondo di Solidarietà e lo sapevi quella mattina stessa.

I primi da mesi, per chi ha deciso, dall’inizio della crisi, di mantenere aperto il proprio ristorante e i sei dipendenti al lavoro puntando sul take-away. In tal modo ha realizzato quasi il 60% del proprio fatturato, ovvero quasi 20.000 euro mensili, e non ha potuto quindi pretendere questo aiuto destinato a coloro il cui fatturato si era almeno dimezzato. Pertanto, inevitabilmente, il ministro dell’Economia Bruno Le Maire ha annunciato, questo lunedì, che i settori che saranno parzialmente riaperti potranno beneficiare del Fondo di solidarietà fino alla fine dell’estate, anche se le loro perdite in attività saranno inferiori. Più del 50%, è stato ben accolto dal presidente.

“Quale sarà la compensazione finanziaria?”

“È un enorme incoraggiamento, perché sappiamo che l’estate sarà probabilmente difficile e che il ritorno a scuola sarà altrettanto complicato con il lavoro a distanza e il mancato ritorno dei suoi dipendenti. Ma quali sono gli importi esatti del risarcimento?”, Chiede. Ambiguità mentre i negoziati sono in corso tra i sindacati e il governo.

In attesa di questi dettagli, in zona, tutti i professionisti che sono già rimasti aperti sono felici di avere una “visione leggermente più chiara dell’apertura”. Gli aiuti sono caduti? “Questo è davvero mantenuto e, a quel ritmo, è molto buono”, commenta Liming Yi, manager di una paninoteca vicina. A condizione dell’anonimato, un altro funzionario ritiene che questa nuova misura avrà principalmente l’effetto di “incoraggiare i datori di lavoro che sono rimasti chiusi ad aprire le loro porte”.

READ  Più di 129 tonnellate di rifiuti provenienti dall'Italia sono state distrutte in Tunisia

Anche altri ristoranti, felici di poter beneficiare degli aiuti di Stato, hanno iniziato a sollevare la questione del rimborso. Matthew Legrand, proprietario di Essie Genet, è: “Come sarà il risarcimento in denaro? Sembra naturale doverlo ripagare, soprattutto se hai fatto bene quest’estate”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *