“L’obiettivo è l’ottavo di finale della Nations League”, questo è ciò a cui punta Gianni, l’allenatore dei Blues

Andrea Gianni, allenatore della squadra francese di pallavolo maschile, ha rilasciato un’intervista a RMC Sport prima di annunciare il ritiro della Cina dalla prima partita, mercoledì, della seconda fase della Volleyball Nations League (VNL). L’allenatore italiano è stato nominato a fine marzo e per la prima volta ha guidato i Blues in una grande competizione. Gianni ripercorre i suoi primi passi con il gruppo Francia, il suo metodo e gli obiettivi per questa VNL.

Con tre vittorie e una sconfitta per la prima fase della Volleyball Nations League in Canada, qual è il tuo record?

È un risultato molto positivo. La cosa più importante è che conosco meglio i giocatori e loro conoscono meglio lo staff. Abbiamo passato molto tempo insieme per comprendere appieno le cose che volevamo mettere al posto giusto. In campo abbiamo fatto belle partite e una buona prestazione. Abbiamo perso contro la Polonia nell’ultima partita, durante la quale non siamo riusciti a trovare un buon ritmo per giocare, ma mi è piaciuto molto l’impegno dei giocatori del gruppo, la loro voglia di giocare e la loro disponibilità a creare il massimo livello di prestazione.

Scopri questa scelta più e più volte?

sì. Sono arrivati ​​tre nuovi giocatori. Benjamin Toniotti aveva bisogno di recuperare e Trevor Clevenot ha avuto un problema fisico. Nicolas Le Gauve ha giocato molto per i Blues e il suo club Montpellier e aveva anche bisogno di una pausa. Si sono uniti al gruppo e abbiamo ancora e sempre bisogno di conoscerci. Usiamo questi giorni prima e durante la seconda fase di VNL, e poi in Giappone, per creare questa buona comunicazione tra di noi. È molto importante ma non sono preoccupato perché sono ragazzi molto positivi e meravigliosi. Non è difficile capire cosa preferiscono perché il mio ruolo in questa squadra è semplicemente quello di aiutarli. Non devo cambiare molte cose ma devo aiutarli a trovare la migliore condizione fisica e tecnica. I risultati seguiranno con il gioco che vogliamo impostare.

READ  Fantastica vittoria per Felix Auger-Aliassime

Sconfitta contro la Polonia per stanchezza?

No, non eravamo stanchi. È il ritmo della partita, abbiamo giocato a ritmo lento. Abbiamo iniziato bene vincendo il primo set. Poi la Polonia ha cambiato giocatori e tattica con i grandi battitori. I polacchi riorganizzarono e stabilizzarono la loro ricezione, il loro attacco aumentò e la partita divenne una guerra punto a punto. A mio parere, ci è mancata chiarezza e non siamo riusciti a destabilizzare l’attacco in ricezione. abbiamo sperimentato. Nell’ultimo girone, non siamo riusciti a esprimere il nostro gioco per invertire.

Earvin Ngapeth ha giocato a tutti i giochi. Tu sei il suo allenatore a Modena. Qual è il suo ruolo con te e nel gruppo?

Ha già giocato molto. È importante che tutti trovino il loro posto nel girone tra i giocatori più giovani, quelli che hanno giocato poco o meno in Francia. Penso che vogliamo avere una rosa molto equilibrata con giocatori molto motivati ​​che devono anche giocare e non solo allenarsi. Allenati e gioca. In questo VNL è importante vincere ma voglio che giochino tutti. E sono molto contento di come tutti i giocatori abbiano ottenuto la proprietà di questo gruppo. Mi piace molto, sì.

Tu alleni grandi giocatori a Modena (Bruno, Niemeyer e Ngabeth) e nella nazionale francese. È un pericolo, perché con questi giocatori devi vincere, o è un vantaggio?

I giocatori che hanno questo talento e questa qualità sono importanti per raggiungere i tuoi obiettivi e vincere. Tuttavia, penso che la gestione umana e atletica di questi giocatori non sia … (crede) una gestione normale. Dobbiamo prima imparare a conoscerci e a parlare in tutte le situazioni. Penso che anche la comunicazione sia importante qui con questi giocatori di talento, che sono anche sotto pressione. L’aspettativa è molto forte per le prestazioni di questi giocatori e che la squadra apprezzi la vittoria. Comunicazione significa trovare un modo per migliorare. Ma se quel giocatore non è al meglio, la comunicazione serve a capire quando un giocatore ha bisogno di più riposo, ad esempio, o quando ha bisogno di giocare di meno durante una partita. Dico sempre loro che puoi essere molto forte tecnicamente e fisicamente, ma dobbiamo mettere molta energia in una partita che se non riusciamo a metterla, nello specifico, non possiamo esprimerla, non possiamo fare bene e non vale la pena giocarci. Devi conoscere i tuoi limiti fisici, come gli altri.

READ  MotoGP - Stiria: un incredibile incidente in gara - LINFO.re

Quali sono i tuoi obiettivi per questa nuova fase di VNL?

Possiamo credere che durante questa seconda fase nelle Filippine, il livello del gruppo fosse inferiore a quello del Canada. Ma è pericoloso proprio perché l’attenzione, in ogni partita, deve essere più forte. Dipende da noi. Dipenderà dalla qualità del nostro gioco e dall’energia che ci mettiamo. Gli abbinamenti possono essere semplici se esprimiamo le nostre qualità. Se non lo esprimiamo, queste partite saranno molto più difficili perché quando giochiamo contro la Francia, contro i campioni olimpici, gli avversari sviluppano il loro massimo potenziale. È una partita importante da giocare contro i Blues, contro giocatori come Ngabeth o Tonioti. Dobbiamo saperlo ed essere preparati per questo. Penso che la preparazione mentale sia importante per i nostri giocatori. Questi giochi saranno difficili se non adottiamo il giusto approccio. La concentrazione è molto importante perché dobbiamo vincere quattro partite. Il nostro obiettivo è qualificarci per l’ottava finale in Italia. Ecco perché dobbiamo vincere queste prossime quattro partite nelle Filippine. Per vincere, devi prima giocare. Non il contrario. Possiamo essere più forti ma in campo siamo tutti uguali.

Nello specifico Final Eight è un sogno o è un impegno?

È l’obiettivo. È lontano ma conosciamo la nostra forza. Sappiamo di avere un obiettivo minimo da raggiungere con questo gruppo, semplicemente quello di crescere. Ho visto questa squadra giocare per 10 anni oscillare tra grandi partite e partite meno buone. Come allenatore, il nostro obiettivo è che questo gruppo abbia una prestazione costante. Questo secondo me è molto importante. Abbiamo la forza di essere tra i primi tre in tutti i tornei. Ma per arrivarci, devi sempre esserci.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.