Lo studio conferma i benefici dell’attività cerebrale contro il morbo di Alzheimer

Un ampio studio statistico ha confermato inequivocabilmente l’importanza dell’attività cognitiva nella lotta contro il morbo di Alzheimer. La pratica regolare ritarderà i sintomi di cinque anni.

Prevenire è meglio che curare“, dice il proverbio, questo è ancora più vero quando non abbiamo una cura. È il caso del morbo di Alzheimer, una malattia neurodegenerativa nota per le sue terribili conseguenze, sia umane che mediche.

È noto da tempo che il background genetico può rappresentare una principale fattore di rischio Secondo la storia della famiglia. Ma anche molti altri lavori lo dimostrano abitudini di vita Svolgono un ruolo importante nell’insorgenza dei sintomi. Recentemente, questo è un nuovo studio pubblicato in Neurologia Il che ha portato nuovi argomenti in questa direzione. Secondo i suoi autori, La stimolazione intellettuale regolare può ritardare i segni clinici della malattia di cinque anni nelle persone di età superiore ai 65 anni.

Ampio studio

Gli autori dello studio hanno esaminato i dati di 1.903 anziani con un’età media di 80 anni. Tutti i partecipanti hanno iniziato rispondendo a un questionario sullo stile di vita per valutare il loro livello di attività cognitiva. Le domande si sono concentrate principalmente sulla ripetizione e sul tempo speso in varie attività che sono intellettualmente stimolanti, come ad esempio Leggere, scrivere lettere o giocare.

Ogni anno, i partecipanti tornavano per un esame clinico completo: una revisione della loro storia medica, un esame neurologico e una serie di 19 test cognitivi. In totale, l’esperimento è durato 7 anni.

Risultati senza appello

Dal punto di vista statistico, i risultati dell’analisi approfondita sono definitivi. Dei 458 anziani che hanno sviluppato la malattia di Alzheimer durante lo studio, quelli che hanno mantenuto un’attività cognitiva regolare hanno manifestato i primi sintomi a un’età media di 93,6 anni, rispetto agli 88,6 anni dei meno attivi. Questa è una differenza molto chiara e statisticamente significativa, che dimostra inequivocabilmente l’effetto radicale dell’attività cerebrale.

READ  Insonnia, un nuovo fattore di rischio per gli aneurismi cerebrali

Tuttavia, i ricercatori hanno avvertito che il pregiudizio, che attualmente non è verificabile, potrebbe insinuarsi nel loro studio. Non avevano infatti i mezzi tecnici per verificare se il morbo di Alzheimer non fosse la causa del declino dell’attività cognitiva, e non viceversa. Ma in tutti i casi, la conclusione è la stessa: le persone che lavorano regolarmente con il cervello ottengono risultati statistici migliori.

Supponendo che ci siano ancora dei dubbi sui benefici dell’attività cerebrale, questo è sicuramente finito. Etica: invita i tuoi anziani e coinvolgili in quante più attività e discussioni possibili. Niente più scuse ogni volta che la nonna fa uno Scarabeo!

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *