L’Italia mobilita nuovi aiuti per le sue imprese

Pubblicato il 14 aprile 2021, 16:02Aggiornato il 14 aprile 2021, 16:27

L’Italia continua ad ampliare i propri deficit per dare una ventata di aria fresca alle aziende colpite dalla crisi. Ha già mobilitato quasi 200 miliardi di euro dall’inizio della pandemia. ” Il deficit non dovrebbe essere un tabù “, Diceva Mario Draghi solo un anno fa. Lo dimostra con un nuovo decreto che lo aumenterà di 40 miliardi di euro.

La metà sarà destinata a sostenere le imprese costrette a cessare la propria attività negli ultimi due mesi: 15 miliardi di euro finanzieranno misure per garantirne la liquidità e 1 miliardo di euro si tradurrà in agevolazioni fiscali per favorire l’assunzione di giovani e precari. Il rimborso di ” prezzi fissi Per le PMI è prevista, in particolare, tutta una serie di esenzioni dalle tasse sugli immobili o dall’imposta pubblica di utilizzo del suolo, in particolare per albergatori e ristoratori. Saranno prorogati i meccanismi di moratoria sui prestiti bancari e verrà istituito un fondo di 5 miliardi di euro per finanziare progetti esclusi dal piano di ripresa, perché non rispondenti ai criteri fissati dalla Commissione Europea.

Il successo della campagna di vaccinazione è fondamentale

Il governo si concede ancora qualche giorno per presentare il documento economico e finanziario (DEF) che funge da quadro per il bilancio e elenca gli obiettivi in ​​termini di crescita economica e finanze pubbliche. Le previsioni di crescita sono già state riviste al di sotto del 4,1% quest’anno, mentre il disavanzo pubblico salirà a quasi l’11%, oltre il 9,5% nel 2020 “. La crescita riprenderà questo trimestre, rassicura Ignazio Visco, il governatore della Banca d’Italia. Rimangono molte incertezze, ma se la campagna di vaccinazione non viene seriamente ritardata, il PIL crescerà di almeno il 4% come previsto dal FMI. In un contesto difficile, l’economia ha mostrato una capacità di ripresa incoraggiante, ma è fondamentale che le misure a sostegno dell’economia vengano mantenute fino a quando non saranno superati i momenti più difficili. »

READ  In Italia, 20.000 vulcani sotto il mare

Tensioni sociali sempre più acute

È quello che chiedono sempre più categorie professionali, tra le quali spiccano i ristoratori e gli albergatori. Manifestazioni, sempre più tese, si sono moltiplicate nei giorni scorsi a Roma, Milano e Torino. La loro principale richiesta è la riapertura delle attività commerciali il più rapidamente possibile. Le regioni sottoporranno questo giovedì un calendario e un dispositivo al governo affinché possano intervenire gradualmente a partire dal mese di maggio con l’accento posto sugli spazi all’aperto e sui ristoranti aperti la sera. ” È molto probabile ma non abbiate fretta e osservate giorno dopo giorno l’evoluzione della situazione epidemiologica. “, Ha procrastinato il ministro della Salute.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *