L’Italia, confinata lunedì, prevede un miglioramento alla fine della primavera

Le scuole saranno chiuse dal lunedì, così come i bar e i ristoranti, così come la maggior parte delle attività non essenziali

L’Italia, tre quarti confinata da lunedì per fermare la progressione del coronavirus, prevede un miglioramento “nella seconda metà della primavera”, ha detto domenica il suo ministro della Salute Roberto Speranza.

“L’attuazione di misure più stringenti e il progressivo aumento del numero di persone vaccinate ci portano a credere che avremo dati in miglioramento già nella seconda metà della primavera”, ha detto il ministro in un’intervista pubblicata domenica sul quotidiano La Repubblica.

“Il fatto nuovo sono le varianti, in particolare l’inglese che ormai è prevalente nel nostro Paese. Nell’ultimo studio dell’Istituto superiore di sanità, ha rappresentato il 54% dei casi, ma ora ci aspettiamo una cifra molto più alta “, ha detto.

Scuole, bar e ristoranti chiusi

“Ogni dose di vaccino iniettata è un passo verso la fine della crisi”, ha commentato il ministro italiano, che ha espresso la sua fiducia nelle autorità europee e italiane che approvano i vaccini, che consigliano di continuare a utilizzare il vaccino AstraZeneca.

Tre quarti del paese sono stati classificati dal lunedì in “zona rossa” fino al 6 aprile comprese le vacanze di Pasqua. Durante il fine settimana, gli ultimi giorni di libertà per 48 milioni di italiani di undici regioni, a volte è dovuta intervenire la polizia per porre fine a raduni troppo grandi a Roma o Milano, o sulla costa, mentre quei saloni di parrucchiere sono stati presi d’assalto. .

Le scuole saranno chiuse dal lunedì, così come i bar e i ristoranti (tranne quelli da asporto), così come la maggior parte delle attività non essenziali.

READ  ATP Cup - I Blues osserveranno il seducente duello Italia-Austria #ATPCup #Thiem #Fognini #Berrettini #Tennis

Le altre regioni italiane sono classificate come “arancio” (rischio intermedio), che consente di viaggiare senza certificato. Una regione fa eccezione per i suoi buoni dati epidemici, la Sardegna, classificata come “bianca” senza coprifuoco e senza restrizioni alle aperture di attività.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *