L’inquinamento atmosferico aumenta quando gli alberi sono caldi

L’inquinamento atmosferico aumenta quando gli alberi sono caldi

Nel giugno 2021, questi ricercatori in California hanno misurato la quantità di composti organici volatili nell’aria sorvolando Los Angeles. In Il loro articoloche è stato appena pubblicato sulla rivista scienzaHanno riferito di aver scoperto principalmente terpeni, un tipo di idrocarburo, prodotto da alcune piante. La concentrazione era maggiore anche nelle zone con abbondante vegetazione e quando la temperatura raggiungeva i 30°C.

Quando le temperature sono elevate, Lo riassume nuovo mondo. Quindi le piante rilasceranno più terpeni nell’aria. Gli scienziati non sono sicuri del perché, ma potrebbe trattarsi di una forma di risposta allo stress da caldo e siccità. Queste molecole svolgeranno quindi un ruolo di segnale chimico e antiossidante.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Così non perderai nessuna notizia scientifica e saprai tutto sui nostri sforzi per combattere le fake news e la disinformazione!

Tuttavia, una volta che i terpeni raggiungono l’atmosfera, reagiscono con altri inquinanti producendo ozono e particolato fine. Infatti, i ricercatori hanno concluso che fino al 60% delle emissioni di ozono e aerosol di origine organica derivano dall’emissione di terpeni dalle piante. Ciò contribuirebbe anche all’inquinamento atmosferico.

Queste osservazioni evidenziano l’importanza di un migliore controllo delle attività umane che potrebbero aggravare la situazione… poiché le piante sono difficili da controllare, notano gli scienziati. Anche la riduzione della produzione di altri inquinanti in grado di interagire con i terpeni, come gli ossidi di azoto, è una soluzione da considerare.

READ  Domande frequenti: Operazioni di lotta contro la zanzara tigre e le zanzare pianificate dall'ARS Pays de la Loire

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *