L’era dell’alba cosmica I primi ammassi stellari hanno contribuito alla formazione delle galassie

L’era dell’alba cosmica  I primi ammassi stellari hanno contribuito alla formazione delle galassie

(Parigi) Gli astronomi hanno osservato ammassi stellari nell’universo così densi che la loro massa e la loro luce hanno giocato un ruolo importante nell’evoluzione della loro galassia al momento dell’alba cosmica, secondo uno studio pubblicato lunedì sulla rivista. natura.


“È impressionante”, ha detto all’AFP Angela Adamo, professoressa del Dipartimento di Astronomia dell’Università di Stoccolma, “Non vediamo nulla di simile nell’universo locale contemporaneo”.

Lo studio da lei condotto con un team internazionale ha identificato cinque protoammassi globulari con proprietà notevoli, in una galassia nana delle prime età dell’universo, 460 milioni di anni dopo il Big Bang.

Scoperto nel 2018 nelle immagini scattate dal telescopio spaziale Hubble, l’arco dei gioielli cosmici è il più lontano mai osservato, a oltre 13,2 miliardi di anni luce di distanza. Nel pieno della cosiddetta era della reionizzazione, quando l’intensa attività delle prime stelle e galassie illumina l’universo.

Quest’alba cosmica è uno dei campi da gioco del nuovo telescopio spaziale James Webb, che ha un occhio più acuto di quello di Hubble. Laddove quest’ultimo distinse un debole arco di luce rossa, James Webb rivela “una galassia molto piccola, con ammassi stellari molto piccoli al suo interno”, secondo M.IO Adamo.

“Questa è la prima volta che possiamo osservare questo tipo di oggetto a una tale distanza”, e quindi in un momento così distante, afferma Adelaide Claesens, ricercatrice post-dottorato presso il Dipartimento di Astronomia di Stoccolma e una delle firmatarie dello studio.

Questa osservazione dovrebbe aiutare a comprendere “la formazione degli ammassi stellari che ancora osserviamo nell’Universo vicino, che sono ormai molto antichi, e il suo impatto sulla formazione delle galassie”, aggiunge.

READ  Una piccola serata fuori con un altro sopravvissuto zombie

“Un milione di stelle”

“Nella nostra Via Lattea vediamo circa 170 ammassi globulari, ma ce n’erano migliaia”, prima che si disperdessero o si disperdessero a causa dell’espansione della galassia, spiega M.IO Adamo. Soprattutto, i sopravvissuti all’interno del disco della Via Lattea non pesano molto, poiché la loro massa è “trascurabile” rispetto a tutte le stelle che lo abitano.

Al contrario, i cinque ammassi stellari osservati nell’Arco delle Gemme Cosmiche sono veramente massicci e insieme rappresentano circa il 30% della massa della galassia. “Questo ci dice che l’universo era completamente diverso” a quel tempo, secondo l’astronomo.

Estremamente denso, ciascuno di questi ammassi stellari è concentrato in un diametro molto piccolo, meno di circa quattro anni luce che separano il nostro Sole dalla stella più vicina, Proxima Centauri. “Immaginiamo che ci siano un milione di stelle” in questo spazio, dice MIO Adamo.

Secondo un recente studio dell’Università di Ginevra, le stelle massicce che contengono sono tra 5.000 e 10.000 volte la massa del Sole. “Sappiamo che queste stelle massicce producono molta radiazione” e che in questo modo “influenzano il modo in cui le galassie formano le stelle e il modo in cui il gas viene distribuito attorno alle galassie”.

Allo stesso modo, queste stelle molto massicce, alla fine della loro breve vita, hanno creato buchi neri, alcuni dei quali potrebbero essere gli oggetti massicci che si trovano oggi nei nuclei di molte galassie.

Queste osservazioni aprono “una sorta di finestra” sulle origini delle galassie, secondo gli astronomi coinvolti nello studio. Per saperne di più dovremo trovare in futuro altri ammassi globulari al momento dell’alba cosmica, e potremo studiarli più in dettaglio.

READ  Conferenza Xbox giugno 2024: conferma dell'evento tanto atteso | X-Box

“James Webb aiuterà a trovarne alcune”, dice il professor Adamo, ma gli astronomi aspettano che l’ELT (Extremely Large Telescope) dell’Osservatorio europeo meridionale “aiuti a comprendere i processi fisici che avvengono in queste galassie”.

“Altri cinque anni di attesa” prima di comprendere meglio cosa stava succedendo più di 13,2 miliardi di anni fa.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *