Léo Coly in blu: l’Italia ha un buon profumo per il mediano di mischia del Montpellier

Convocato per il ritiro della XV di Francia, il mediano di mischia del Montpellier Léo Coly si candida per una prima selezione durante la partita inaugurale del Torneo Sei Nazioni contro l’Italia il 5 febbraio.

E se fosse l’inizio di una bella storia tra Leone Coly e la squadra francese? Chiamato per la prima volta dallo staff dei Blues per preparare la prima partita del Torneo Sei Nazioni contro l’Italia del 5 febbraio, il mediano di mischia del MHR potrebbe essere uno dei fortunati segnati a referto.

Con i pacchetti di Maxime Lucu e Baptiste Couilloud, un posto va preso per questo Italia-Francia, dietro l’intoccabile Antoine Dupont. Due giocatori si stanno candidando: il Montpellier Léo Coly, dunque, e il Racingman Nolann Le Garrec. Viste le sue ultime prestazioni in club, l’ex Montois si pone come un serio candidato.

\ud83d\udde8\ufe0f “È un grande piacere e un grande orgoglio… Ma devi prendertela comoda!”

Congratulazioni a Leo Coly @pepitoz9convocato nella lista di Fabien Galthié per prepararsi al #6Nazioni \ud83d\udc4f\ud83c\uddeb\ud83c\uddf7 pic.twitter.com/Dgj5VrrY3I

– CANALE + Rugby (@CanalplusRugby) 17 gennaio 2023

La sua presenza con i Blues, ora o in futuro, è fuor di dubbio Patrizio Milhet, suo ex allenatore al Mont-de-Marsan. “Non mi sorprende che sia alle porte della Francia”, assicura. “È già nel settore, è stato campione del mondo U20. I giocatori sono condizionati per passare al livello successivo. Con noi, ha sorvolato ProD2. Mostra grandi cose a Montpellier. Sarò piuttosto sorpreso dal fatto che “Non fa il suo posto nella squadra francese. Oggi potrebbe essere troppo presto. Ma dopo i Mondiali…”

“Puzza di rugby”

Va detto che il giovane numero 9 spunta molte caselle che lo rendono un potente dirigente del XV di Francia. “Ci sono giocatori, tra cui Leo, che puzzano di rugby”, continua Milhet. “È innato. Diamo loro una palla, sanno cosa farne. Leo è un gran lavoratore, molto esigente con se stesso. Imposta l’asticella molto, molto in alto per arrivarci. Guarda tutte le partite di alto livello, per vedere come può evolversi nella sua posizione. È ancora giovane, dovrà lavorare sulle transizioni, sui momenti deboli e su quelli forti, ma ha questa capacità di evolversi velocemente”.

READ  Infinito Milano, unico in Europa. Il "tradimento" della panchina

In competizione con Reinach

Passando da Pro D2 a Top 14 con sconcertante facilità, ha rapidamente scosso la gerarchia del Montpellier, in lizza per la posizione di partenza con lo Springbok Cobus Reinach“Léo è un sinistro. Non è banale quando hai solo il destro dietro. In equilibrio, porta più fluidità nel modo di giocare degli altri. Cobus è più istintivo”, analizza Jean-Bapstiste Elissalde, l’allenatore del Montpellier.

“È una posizione in cui c’è un momento di acclimatamento per capire i suoi partner, il sistema, l’allenatore, il modo di funzionare durante la settimana. Ma prende sempre più iniziativa”, si rallegra Elissalde .

Doti che non hanno mancato di catturare l’attenzione dello staff tricolore. E chi potrebbe offrire a Léo Coly un lungo contratto di locazione in Blue.

Il gruppo dei 42

Pilastri: Uini Atonio, Reda Wardi (La Rochelle), Sipili Falatea (Bordeaux-Bègles), Mohamed Haouas (Montpellier), Cyril Baille (Tolosa), Dany Priso (Tolone).

Prostitute : Julien Marchand (Tolosa), Gaëtan Barlot (Castres), Teddy Baubigny (Tolone).

Seconde linee : Paul Willemse, Bastien Chalureau (Montpellier), Thibaud Flament (Tolosa), Romain Taofifenua (Lione), Thomas Jolmes (Bordeaux-Bègles), Thomas Lavault (La Rochelle)

Terze righe : Charles Ollivon (Toulon), Grégory Alldritt (La Rochelle), Alexandre Bécognée, Yacouba Camara (Montpellier), Anthony Jelonch, François Cros (Toulouse), Sekou Macalou (Stade Français), Paul Boudehent (La Rochelle), Dylan Cretin (Lyon )

Mediano di mischia : Antoine Dupont (Tolosa), Leo Coly (Montpellier), Nolan Le Garrec (Racing 92)

mezzo volante : Romain Ntamack (Tolosa), Mathieu Jalibert (Bordeaux-Bègles), Antoine Hastoy (La Rochelle)

Centri : Gaël Fickou (Racing 92), Yoram Moefana (Bordeaux-Bègles), Julien Delbouis (Stade Français), Pierre-Louis Barassi (Tolosa), Emilien Gailleton (Pau)

Ali : Damian Penaud (Clermont), Matthis Lebel (Tolosa), Louis Bielle-Barrey (Bordeaux-Bègles), Ethan Dumortier (Lione),

READ  "Voglio tornare a giugno"

Posteriori : Melvyn Jaminet, Thomas Ramos (Tolosa), Romain Buros (Bordeaux-Begles)

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.