L’editore di Fortnite Epic Games licenzia il 16% dei dipendenti

L’editore di Fortnite Epic Games licenzia il 16% dei dipendenti

Epic licenzierà circa 830 persone, ovvero il 16% dei suoi dipendenti. (Immagine: 123RF)

Epic Games, produttore del popolare videogioco Fortnite, ha annunciato giovedì un piano sociale per risparmiare denaro, anche se continua a spendere soldi nella sua battaglia legale contro Apple e Google.

Epic licenzierà circa 830 persone, ovvero il 16% dei suoi dipendenti, secondo una copia di un’e-mail inviata dal CEO Tim Sweeney ai dipendenti e pubblicata sul sito Web dell’azienda.

“Da qualche tempo spendiamo molti più soldi di quelli che guadagniamo, investendo nella prossima iterazione di Epic e facendo crescere Fortnite come ecosistema ispirato al Metaverso per i creatori”, ha detto Tim Sweeney ai dipendenti.

“Sono stato a lungo ottimista sul fatto che avremmo potuto andare avanti senza licenziamenti, ma in retrospettiva mi rendo conto che non era realistico”.

La crescita di Fortnite è ripresa, ma è guidata dai contenuti dei creatori, il che significa una quota significativa delle entrate per l’azienda, secondo Tim Sweeney, che ha fondato l’azienda negli anni ’90.

“Il successo dell’ecosistema dei creatori è un grande risultato, ma significa un importante cambiamento strutturale nel nostro modello economico”, ha affermato.

Secondo il direttore generale, i licenziamenti sono l’unico modo per raggiungere la stabilità finanziaria, anche se ciò comporterà un ritardo nello sviluppo.

“Alcuni dei nostri prodotti e iniziative verranno consegnati nei tempi previsti, mentre altri non verranno consegnati a causa della mancanza di risorse in questo momento”, ha osservato Tim Sweeney.

Ha inoltre osservato che, sebbene Epic abbia adottato misure per ridurre le spese legali, la società “continua a combattere i monopoli distributivi e fiscali imposti da Apple e Google”.

READ  Samsung Galaxy S25: nessun aggiornamento della batteria per il prossimo telefono di punta

Epic combatte da anni Apple e Google nei tribunali statunitensi per le regole e le tariffe imposte dai loro app store, che consentono ai consumatori di scaricare videogiochi come Fortnite sui propri smartphone e tablet.

Epic ha anche deciso di vendere Bandcamp, il negozio di musica online acquisito all’inizio dello scorso anno, e di cedere la sua attività pubblicitaria ad un’altra unità, secondo l’e-mail.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *