Le mucche si sono ridotte

Le mucche domestiche hanno un cervello più piccolo del 25% rispetto ai loro antenati selvatici. E più erano flessibili, più il loro cervello si restringeva. D’altra parte, i tori selezionati per la loro aggressività hanno un cervello molto più grande.

Qualche mese fa, Futura vi ha svelato l’addomesticamento dei polli I loro cervelli si sono ridotti. Un nuovo studio ora mostra che le mucche hanno subito la stessa sorte. In un articolo pubblicato sulla rivista Atti della Royal Society B., i ricercatori svizzeri hanno scoperto che le mucche domestiche hanno un cervello In media il 25,6% più giovane di Il loro nonno, l’arch. Per giungere a questa conclusione, il paleontologo Anna Balkarcel e i suoi colleghi dell’Università di Zurigo hanno esaminato teschi Tredici tori sono stati prelevati da musei di tutta Europa e confrontati con 317 tori domestici, rappresentanti 71 razze diverse. Hanno quindi stimato la dimensione di ciascun animale in modo che i risultati non fossero distorti (un animale più grande con un cervello proporzionalmente più grande) e quindi hanno calcolato il rapporto tra le dimensioni del cervello e le dimensioni della mucca.

Tori da combattimento e vacche da latte

Il risultato mostra differenze significative non solo tra le mucche moderne e le colonie selvatiche, ma anche tra le stesse razze di mucche, e in particolare in base all’uso che viene fatto con la mucca. I ricercatori hanno quindi diviso le razze in cinque categorie: bovini selvatici, mucche utilizzate per la corrida o rodei, bovini da parco (quelli allevati nelle fattorie come animali ricreativi), bovini da carne e mucche da latte.

In media, i tori utilizzati per la corrida e selezionati principalmente per la loro aggressività mostrano la più piccola riduzione del volume cerebrale rispetto ai tori (15,3%). Anche le vacche allevate in stalla, che hanno relativamente pochi contatti con l’uomo, hanno un calo relativamente contenuto (18,2%). Al contrario, le vacche da latte e da carne, che entrano in contatto con l’uomo ogni giorno, avevano rispettivamente il 30,6% e il 24,9% di cervelli più piccoli.

READ  Insetticida accusato della morte delle api

Mucche, maiali, cani e gatti

Questo fenomeno è molto diffuso nel regno animale: secondo vari studi, il cervello di un maiale domestico è del 34% più piccolo di quello di un cinghiale; La riduzione è stata del 24% per le pecore, del 29% per i cani e del 24% per i gatti. Più l’animale interagisce con l’uomo, maggiore è il declino.

Tutto questo può essere facilmente spiegato con la scelta ereditario, spiegano gli autori. “ Nel corso del tempo, gli umani hanno scelto اختا . Tratti della personalità dell’obbedienza, riferendosi ad Anna Balcarsil. Vediamo anche che la parte più colpita del cervello con volume ridotto è sistema limbicoChe gioca un ruolo molto importante nella paura e nell’aggressività. La docilità non solo facilita la custodia degli animali, ma migliora anche la qualità del latte e della carne perché meno stressati dall’uomo. ».

Tutto questo non dice nienteIntelligenza la mucca. Perché dimensione del cervello Non necessariamente un segno affidabile di capacità intellettuale. Uno studio pubblicato nel 2017 Dimostra che le mucche sono in grado di riconoscere gli individui tra di loro, conservare informazioni a lungo termine e apprendere compiti complessi o costruire relazioni sociali. Docile, la mucca, forse, ma non è stupida.

Sarai interessato anche a te

Ti interessa quello che hai appena letto?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *