L’assente e il piombo fanno parlare

Prima che il Canada spaventasse seriamente la Germania giovedì nelle finali della Coppa Davis, gli Stati Uniti, l’unica altra nazione a scommettere su due dei primi 20 giocatori nelle loro fila, li hanno visti farsi strada attraverso l’Italia.

Sorprendente l’Italia, privata delle sue due stelle principali, Yannick Siner e Matteo Berrettini, teste di serie rispettivamente 15° e 16°, entrambi infortunati.

specialista dell’amaro

Come nel match tra canadesi e tedeschi, la questione si è decisa tra americani e italiani nel doppio decisivo, dove il duo formato da Simone Polelli e Fabio Fognini ha vinto 6-4, 6-4.

Dall’altra parte della rete c’erano Jack Sock e Tommy Poole. Ma non Rajeev Ram, terzo al mondo nella disciplina e recente campione delle ATP Finals.

Il veterano, che ha già detto di essere amareggiato per essere stato escluso dal capitano Mardy Fish, ha anche utilizzato Twitter per taggare la squadra statunitense nei momenti successivi alla sconfitta.

Com’è il Ringraziamento? [américaine] Chi sono tutti? ha scritto il campione, che ha quattro titoli in questa stagione.

In una conferenza stampa, Fish si è difeso per non aver scelto Ram, affermando che era un suo grande amico e che lo considerava un grande giocatore di doppio.

“È sicuramente uno dei migliori al mondo. Ma creare una squadra di doppio non significa solo prendere un giocatore di alto livello e accoppiarlo con un altro, sperando che ottengano buoni risultati”, ha detto l’ex top ten.

“schifoso e squallido”

L’unico vincitore di giornata della squadra americana, Taylor Fritz, da parte sua, è andato lì con un lungo colpo ai palloni usati dal torneo.

READ  Sport | Giro di Catalogna: Colbrelli, secondo nella prima tappa, ha un infarto

“Tutto ciò a cui hai pensato [au bris d’égalité de la première manche], ecco quanto erano brutte e consumate le palle, che non sono riuscito a colpire il tiro vincente. Ho cercato di essere aggressivo, ma non è servito a niente”, si è lamentato il nono al mondo, che ha comunque sconfitto Lorenzo Musetti (23), 7-6(8), 6-3.

Felix Auger-Aliassime ha notato la stessa cosa contro Oscar Otti. Ma Kebek, con il suo solito tatto, non era troppo critico.

“Le palle e il campo sono molto diversi da quello che abbiamo visto a Torino la scorsa settimana”, ha ammesso Quebec dopo il suo assolo, ma ci siamo abituati come tennisti, le condizioni cambiano da torneo a torneo.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.