“Lascia che Theo attacchi!”

Nella sua rubrica L’Equipe, Bixente Lizarazu fa una campagna per dare a Theo Hernandez la libertà di attaccare i Blues.

Consulente di TF1 e L’Equipe, Bixente Lizarazu è senza dubbio la voce più ascoltata in Francia quando si parla di blues. Nella sua rubrica quotidiana, l’ex mancino dei Blues si è interessato al ruolo offensivo della sua schiena, Teo Hernandezcosa che Didier Deschamps farebbe bene.

“Adoro quando vedo emergere una collusione tecnica tra due giocatori, come quella che inizia a legare Theo Hernandez e Kylian Mbappé, Lizarazu scrive per L’Equipe. Hanno ancora un po’ di partite in comune ma si vedono già somiglianze, comprensione delle mosse e del gioco dell’altro, tutto ciò che può dare una buona sequenza di passaggi, uno, due, spaccate…”

Leggi anche:Mbappe, colossale tuonoGrande preoccupazione per gli azzurriLa provocazione di Benzema sui social

“La qualità della sinistra dei Blues è decisamente offensiva, con giocatori molto schierati davanti, Il campione del mondo 1998 si conferma. Quindi l’altra faccia della medaglia è la corsia dove c’è un attaccante fortissimo ma che difende poco (Mbappé) e una squadra con qualità molto offensive (Theo) ma che ha ancora qualche carenza, di messa a fuoco o di posizionamento. Tuttavia, penso che sia meglio fare affidamento sulle sue qualità piuttosto che concentrarsi sui suoi difetti e chiedere loro di giocare contro natura. Quindi dobbiamo lasciare che Theo attacchi, perché è veloce, forte e può fare una grande differenza. »

Equilibrio con Koundé

Lizarazu est come il sistema di Bleus permet de compenser les montees di Theo Hernandez, con il volume del jeu d’Adrien Rabiot, la qualità della vitesse di Dayot Upamecano (il difensore gauche assiale), e il profilo più difensivo di Jules Koundé à dritto. Infine, è un problema tecnico controllato offerto dal team francese.

Lizarazu spiega che questa distribuzione dei ruoli con gli azzurri per il 2022 mi ricorda quello che l’Italia ha presentato durante l’ultimo Europeo, dove Leonardo Spinazzola era a sinistra e Giovanni Di Lorenzo a destra. Il gioco offensivo della Nazionale ha chiaramente propenso al primo, almeno fino all’infortunio, ma il ruolo più cauto del secondo ha compensato questo potenziale difetto. Non era male per gli italiani. »

READ  Un'audioguida per scoprire la storia delle cave di Moboy durante un'escursione

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.