“Green Growth Horizons Science Fiction” – Liberazione

Quale cultura per quale futuro? Soddisfa

Quale cultura per quale futuro?problema

Un convinto sostenitore della decrescita, il ricercatore Timothy Barrick sostiene che la neutralità del carbonio può essere raggiunta solo grazie alle innovazioni tecnologiche.

Fino a domenica, il Centro Pompidou organizza tre giorni di dibattiti per interrogarsi sui legami tra trasformazione ecologica e trasformazione culturale. Trova forum, interviste e sondaggi su fascicolo tematico dedicato a questo evento. Più articoli scritti da studenti giornalisti di IPJ Dauphineche è venuto a coprire il forum Pubblicazione.

L’economista Timothy Barrick è stato invitato a partecipare alla conferenza sul clima, organizzata questo fine settimana al Centro Pompidou in collaborazione con l’Agenzia per la gestione dell’ambiente e dell’energia (Ademe), responsabile del sostegno alle politiche pubbliche nella transizione ambientale. Da convinto sostenitore della decrescita, il ricercatore non immagina per un momento che la neutralità del carbonio possa essere raggiunta grazie all’innovazione tecnologica, Uno dei quattro scenari immaginati da Ademe… incontra.

Possiamo scommettere sull’innovazione tecnologica per raggiungere la neutralità carbonica nel 2072?

Innanzitutto, fai attenzione alle aspettative a lungo termine. Secondo l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), abbiamo cinque anni per ridurre significativamente le nostre emissioni di carbonio. Quindi gli scenari di Ademe che scommette molto sulla tecnologia mi sembrano poco plausibili. Molte innovazioni hanno un impatto sul clima. innovazioni ambientali [technologies durables qui œuvrent à réduire les inégalités induites par le dérèglement climatique, ndlr] Rappresenta solo il 15% dei brevetti depositati e questa percentuale rimane costante. Non mi sembra realistico aspettarsi che compensino il potere delle innovazioni dirompenti. Siamo di fronte a un paradosso: per realizzare queste innovazioni ambientali serve un sistema economico che elimini le attività energivore e ambientalmente insostenibili, come Produzione SUV o compagnie aeree nazionali. Ma questo porterebbe a una crescita più lenta. Nella nostra società capitalista, usare la tecnologia per raggiungere la neutralità del carbonio non funzionerà.

READ  Notizie scientifiche a piccole dosi | Giornalismo

E se tutte le innovazioni diventassero innovazioni ambientali?

Anche realizzando innovazioni ambientali al 100%, la loro efficacia deve essere decuplicata per poter soddisfare le esigenze della crescita economica e della riduzione dell’anidride carbonica. Tecnicamente, mi sembra impossibile. È come saltare da un dirupo senza niente sulla schiena e dirti che costruirai un paracadute prima di toccare terra! Oggi, le poche persone che sostengono la crescita verde sono i privilegiati che si arricchiscono sulle spalle dei paesi del Sud e le famiglie a basso reddito che dovranno affrontare a loro volta le conseguenze di questo abbandono.

Gli scenari Ademe 3 e 4 basati su una forte crescita economica sono quindi impensabili?

La crescita è una promessa vuota e pericolosa. Non è grave per Ademe sviluppare tali scenari, poiché legittimano una situazione aberrante sia moralmente che legalmente. Il quarto scenario è francamente fantascientifico. Oggi la crescita verde non è possibile anche se abbiamo una crescita a minore intensità di carbonio. Se vogliamo che la Francia onori entrambi i suoi impegni sul clima garantendo giustizia tra i cittadini, sarà necessario compensare le emissioni di gas serra: eliminare la povertà nel mondo, infatti, aumenterebbe le emissioni globali del 18%. Tutto questo non viene preso in considerazione in questi scenari 3 e 4 di Ademe. Si basano esclusivamente sulla traiettoria del carbonio della Francia, che oscilla di anno in anno. Non ne capisco l’utilità, se non per mantenere in vita miti creati da zero da economisti o amministratori delegati della Silicon Valley colti da un’ondata di ottimismo. Mentre in realtà sarebbero necessari altri due scenari più estremi rispetto alle proiezioni della “generazione frugale”: lo scenario di declino e lo scenario di collasso.

READ  "Detti di Scienza": Yu per generalizzare

Come sarebbe il mondo se non cambiassimo il modo in cui consumiamo, il nostro sistema economico?

È il 2022, ma peggio: dov’erano le tecnologie quando c’erano Incendi boschivi giganteschi ? Alluvione? L’ondata di caldo che ha ucciso migliaia di persone? Se non facciamo nulla, dicono gli scienziati, ciò a cui abbiamo assistito quest’anno si intensificherà ma sarà anche stratificato: i più vulnerabili saranno più vulnerabili e i ricchi si proteggeranno. La crescita economica nelle sue dinamiche amplia la disuguaglianza. Continuare così, non è nemmeno uno scenario che immagino. Al contrario, dobbiamo passare dall’economia competitiva a quella cooperativa. Io, nell’anno 2072, prevedo un’economia in cui tutti i principali settori, acqua, energia, cibo, mobilità, siano regolati in modo flessibile. Ciò significa che non oscillano secondo gli umori dei mercati e degli azionisti di minoranza che cercano di arricchirsi. Dovremmo invece giocare al gioco della condivisione – dagli asili nido collettivi alle valute locali – e fantasticare sulla sobrietà individuale a favore dell’esuberanza collettiva.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.