L’arrivo dei talebani | Malala Yousafzai: teme per le sue “sorelle afgane”

(Washington) “Come molte donne, temo per le mie sorelle afghane”: l’attivista pakistana per i diritti delle donne Malala Yousafzai ha espresso le sue preoccupazioni martedì a Il New York TimesDopo che i talebani hanno preso il potere in Afghanistan.


In un articolo del quotidiano americano, il Premio Nobel per la pace 2014 mette a confronto il futuro delle donne afgane con la situazione speciale delle donne afgane, che nel 2012 sono sopravvissute a un attacco dei talebani in Pakistan.

Ciblée d’une balle dans la tête pour avoir promu l’éducation des jeunes filles, l’adolescente de 15 ans avait été évacuée entre la vie et la mort vers un hôpital de Birmingham au Royaume-Uni, avait où reselle jelle con later.

Ora ha 24 anni, vive nel Regno Unito con la sua famiglia e si è laureata alla prestigiosa Università di Oxford.

“Non posso fare a meno di sentirmi grata per la mia vita oggi. Dopo essermi laureata al college l’anno scorso e aver iniziato a tracciare la mia carriera, non riesco a immaginare di perdere tutto, tornare a una vita dettata da uomini armati”, scrive.

Le ragazze e le giovani donne afgane si trovano ancora una volta in una situazione in cui mi sono trovata io: disperata per non poter tornare in classe o tenere un libro.

Malala Yousafzai

Quando i talebani governarono l’Afghanistan tra il 1996 e il 2001, le scuole femminili furono chiuse, le donne non potevano viaggiare o lavorare e furono costrette a indossare il burqa in pubblico, un velo che copre tutto il corpo e il viso, con una maglia di stoffa all’occhio livello. .

Correttore di foto, Reuters

Donne e bambini che cercano di entrare all’aeroporto di Kabul per essere evacuati.

Le donne potevano uscire di casa solo accompagnate da un “mahram”, un uomo che accompagnava la loro famiglia, e fustigazioni ed esecuzioni, compresa la lapidazione per adulterio, venivano praticate nelle piazze delle città e negli stadi.

READ  Relazione con Washington | La Corea del Nord deve prepararsi al "dialogo e al confronto"

Con il ritorno dei talebani al potere, molti paesi e organizzazioni per i diritti umani hanno espresso preoccupazione per la difficile situazione delle ragazze e delle donne in Afghanistan.

Il portavoce dei talebani ha detto, martedì, che il suo gruppo è ora impegnato a “consentire alle donne di lavorare, secondo i principi dell’Islam”, e che saranno obbligate a indossare il velo islamico, non il burqa.

Malala Yousafzai ora spera in una risposta internazionale per aiutare le donne e le ragazze afghane.

Chiedono la protezione, l’istruzione, la libertà e il futuro che sono stati promessi. Non possiamo continuare a deluderli. “Non abbiamo tempo da perdere”, supplica il giovane attivista.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *