L'”arresto” di due volontari britannici in Ucraina

L’organizzazione no-profit con sede nel Regno Unito Presidium Network ha dichiarato venerdì che i soldati russi hanno “catturato” due volontari britannici in Ucraina.

• Leggi anche: diretto | Sessantacinquesimo giorno di guerra in Ucraina

“Due cittadini britannici, che prestavano servizio come volontari non associati a noi, ma a noi noti, Paul Urey (nato nel 1977) e Dylan Healy (nato nel 2000)” sono stati catturati dall’esercito russo in un punto di controllo in Ucraina in una dichiarazione di Dominic Byrne, uno dei fondatori di questa ONG. Inviato all’AFP lunedì”.

Secondo il gabinetto, sono scomparsi mentre guidavano per aiutare a evacuare una donna e due bambini a Dneprorodin, nella regione di Zaporozhye, nel sud. L’ultima chiamata è stata alle 4:00.

Dopo il loro arresto, il signor Byrne ha detto che la casa della donna è stata “sfondata da soldati russi armati” e “ha costretto il marito a giacere per terra e le ha chiesto come facesse a sapere di queste spie britanniche”, sottolineando che i due uomini erano volontari umanitari che era partito di propria iniziativa per l’Ucraina.

La madre di Paul Urey, Linda, si è detta “estremamente preoccupata” in una lettera inviata alla Presidenza.

“Sappiamo che mio figlio Paul e il suo amico che era un volontario umanitario in Ucraina sono stati arrestati dai russi”, ha detto Linda Urey. “Vogliamo il sostegno di tutti per riportare a casa mio figlio”, ha detto, aggiungendo che “ha il diabete di tipo 1 e ha bisogno di insulina”.

Originario di Manchester e Warrington nel nord dell’Inghilterra, Paul Urey è presentato come un padre di famiglia che non ha prestato servizio nell’esercito, ma ha trascorso otto anni in Afghanistan come appaltatore civile, mentre Dylan Healey ha lavorato per una catena di hotel nel Regno Unito.

READ  Champ e Major, i cani di Biden, sono arrivati ​​alla Casa Bianca

La Presidenza ha detto di essere in contatto con il Ministero degli Esteri britannico, che sta cercando urgentemente informazioni su questi due cittadini.

La notizia arriva il giorno dopo che un portavoce del ministero ha annunciato che un britannico era stato ucciso in Ucraina e un altro disperso.

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss sembrava sostenere gli inglesi che volevano andare al fronte. Ma il ministro della Difesa e i funzionari militari lo hanno riformulato.

Il diplomatico britannico consiglia ai suoi cittadini di non recarsi in Ucraina e ha avvertito che chiunque si rechi in aree di conflitto per impegnarsi in attività illegali è soggetto a sanzioni al ritorno nel Regno Unito.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.