L’americano al centro del podcast seriale rilasciato dopo 23 anni di carcere

(Baltimora) Lunedì un giudice statunitense ha annullato la condanna di un uomo che è stato in custodia per 23 anni per un omicidio che aveva sempre negato, un caso al centro del podcasting globale. una serie.

Aggiornato ieri alle 18:34.

Charlotte Plantive
Agenzia media francese

Adnan Syed, 42 anni, è stato condannato all’ergastolo nel 2000 per l’omicidio della sua ex fidanzata Hye Min Lee a Baltimora, sulla costa orientale degli Stati Uniti.

Con una svolta inaspettata, il procuratore generale della città, Marilyn Mosby, ha presentato una mozione la scorsa settimana per annullare la sentenza, dicendo che aveva dei dubbi sulla colpevolezza di Adnan Syed e chiedendo il suo rilascio.

Mio Mosby ha spiegato di aver scoperto “due sospetti alternativi”, informazioni critiche che all’epoca erano state scarsamente sfruttate e che non erano state segnalate alla difesa prima del processo.

Lunedì, il medico legale ha approvato la richiesta del procuratore generale, durante un’udienza in un’aula affollata di un tribunale di Baltimora.

“Nell’interesse della giustizia e dell’equità, la richiesta è accolta e l’imputato sarà rilasciato” e dotato di un braccialetto elettronico, ha detto il giudice Melissa Finn.

Quindi gli agenti hanno rimosso le catene di Adnan Syed, mentre una parte della stanza ha applaudito prima di chiedere. Barba folta e testa coperta da un cappello, non ha mostrato alcuna reazione.

“Fa fatica a credere che sia vero” e “Ora vuole passare del tempo con la sua famiglia”, ha affascinato il suo avvocato Erica Sutter in tribunale, mentre il suo cliente entrava in macchina senza fare nulla.

“ingannato”

Il pubblico ministero Marilyn Mosby ha insistito sul fatto che la giustizia “non ha ancora dichiarato innocente Adnan Syed” e che avrebbe aspettato i risultati di ulteriori analisi del DNA prima di decidere se ritirare le accuse o organizzare un nuovo processo.

READ  Raid aerei su Gaza | Israele risponde ai palloni incendiari

Ha 30 giorni per farlo. Indipendentemente dalla sua decisione, ha promesso di continuare le indagini per “assicurarsi che la famiglia di Hye Min Lee sappia per certo il colpevole”.

Durante l’udienza, il fratello della giovane donna, Young Li, ha preso la parola al telefono per spiegare il suo sgomento. “Vivi in ​​un incubo senza fine”, ha detto, e gli è stato confidato di essere stato “ingannato” dai pubblici ministeri che per anni avevano ritenuto responsabile il buon delinquente, prima di cambiare idea.

Il caso è iniziato nel febbraio 1999, quando la polizia ha trovato il corpo del diciottenne Hye Min Lee semisepolto in una foresta di Baltimora. Adnan Sayed è stato arrestato all’età di 17 anni e condannato all’ergastolo un anno dopo.

Secondo l’accusa, non ha sostenuto che lei lo abbia lasciato per qualcun altro e l’abbia strangolata. Ha sempre rivendicato la sua innocenza, sostenendo di essere vittima di pregiudizi anti-musulmani.

Nel 2014 una squadra di giornalisti ha condotto una contro-inchiesta, raccontata in dodici episodi della prima stagione di una serie. Precursore dell’era del podcasting, questa serie radiofonica, secondo i suoi produttori, è stata scaricata più di 300 milioni di volte. Ha anche ispirato il documentario della HBO.

Scusa

Indagine dei giornalisti di una serie Ha mostrato che l’avvocato di Adnan Syed aveva trascurato l’esperienza dei telefoni cellulari a favore dell’imputato, così come la testimonianza di una giovane ragazza che gli ha offerto una possibile scusa.

Il loro lavoro ha portato alla riapertura del caso e, nel marzo 2018, una corte d’appello del Maryland ha ordinato un nuovo processo, ritenendo che l’avvocato avesse fornito “assistenza inefficace” al suo cliente.

READ  La denuncia del governo Biden contro il Texas per la divisione elettorale è discriminatoria

Nel marzo 2019, la Corte Suprema del Maryland ha riconosciuto che l’avvocato ha commesso un errore nel non fornire determinati elementi, ma ha stimato che “dato il corpo delle prove”, la sentenza non sarebbe diversa se li avesse inclusi. Pertanto, ha rifiutato di organizzare un nuovo processo.

Quindi la difesa di Adnan Syed si è rivolta alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Nel 2019 si è rifiutata di intervenire, il che sembrava mettere fine alle sue speranze di essere rilasciata.

Ma il procuratore generale di Baltimora, che ha un servizio dedicato alla correzione degli errori di giustizia, ha riaperto il fascicolo, provocando alla fine questo ultimo colpo di stato giudiziario.

nuovo episodio di una serie Il suo team di produzione ha annunciato lunedì sul suo account Twitter.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.