Lambert con grandi nuvole d’epoca

In poche settimane, Guillaume Lambert ha pubblicato Niagara in cui ha diretto leggende come François Perros, Marie Eckel e Guy Goodwin. Ha ricevuto il Premio Gémeaux per le sceneggiature della serie Audrey Returns, scritta insieme a Florence Longpré, e il suo primo premio per la traduzione singola per il suo ruolo in La Confrérie. Inoltre, ha appena pubblicato il romanzo Eschatologie.

Come vivi questo enorme autunno?
Guillaume Lambert: È come un singhiozzo che non mi aspettavo. Faccio le cose d’istinto, senza un piano di carriera. Tutto è successo nello stesso momento. Il ritardo nelle riprese del mio film durante la pandemia ha significato che ho girato contemporaneamente al ritorno di Audrey e che i due progetti sono stati lanciati più o meno nello stesso periodo. Con Gemini e l’uscita del libro, è la fine dell’antiquata pandemia.

Questi premi potrebbero cambiare la tua carriera?
Guillaume Lambert: Vedremo. Dico spesso che sono su una piccola barca. Se non remo da solo, non succederà molto. Davvero bene. Cerco di rimanere umile su quello che faccio. In questo momento, tutto ciò su cui ho lavorato durante la pandemia è appena stato rilasciato. È un buon oggetto d’antiquariato. Ma l’anno prossimo ripartiremo da zero.

I decisori ascoltano di più i tuoi progetti?
Guillaume Lambert: Prima dell’età adulta, ho passato molto tempo a difendere la mia identità di attore e di autore. Lì ho l’impressione che le porte siano aperte per ascoltare i miei progetti. questo è buono. Sono ancora la prossima generazione, ma ho quasi 40 anni e ho abbandonato la scuola nel 2006. Britney era in cima al gioco!

READ  Premi del Festival del cinema di sensibilizzazione sulla salute

Niagara sarà presto disponibile su Illico. Ho l’impressione che ti sia viziato nello scrivere e nel percepire. Ho sbagliato
Guillaume Lambert: Ho fatto il film che volevo vedere. Ovviamente mi sono divertito. Anche se ho più soldi in Niagara che in Les scènes fortuites, e sono probabilmente l’unico regista che è stato in grado di decuplicare il suo primo budget di 1,5 milioni al secondo – è ancora un po’ per creare un film – tendo a mantenere un estetica letterale, vicina agli attori e molto cruda. Mi piace quando ti senti come se non stesse barando e dimentichi completamente che è una fantasia. Ecco perché ho scelto questi attori. Realtà della visione
Persone che non ti aspetti, forse creano un maggiore senso di conoscerle. Tuttavia, c’erano dei rischi. Dicendo “lavoro”, François Perros avrebbe potuto essere un pessimo attore, ma ha una presenza massiccia.

Potresti essere l’unico a dirigerlo in un film.
Guillaume Lambert: Sono stato il primo ad avere questa idea, e per me va bene! Sono interessato a questo tipo di individui che sono molto intelligenti, che hanno fatto carriera e che non devono nulla a nessuna persona mediocre. Sono anche molto influenzato da film come Eternal Sunshine of the Spotless Mind, Little Miss Sunshine e Lost in traduzione. Quando elimini Jim Carrey, Steve Carell e Bill Murray dal fumetto X, sembra esserci molta umanità che arriva.

In questo road movie, tre fratelli si riuniscono dopo la morte del padre per una sfida con il secchiello del ghiaccio. Perché hai voluto esplorare il rilancio dei legami familiari?
Guillaume Lambert: La famiglia è un argomento culturale molto importante in Quebec. Volevo fare un film sulla famiglia, dove tutti non sono nel posto giusto. Purtroppo è la morte [de l’un d’eux] chi fa accadere le cose. L’elaborazione del dolore consente alle persone di comunicare meglio, avvicinarsi alle proprie emozioni e passare a un’altra fase della loro vita.

READ  Calcio - Italia - Serie A: Nonostante l'espulsione di Ibrahimovic, il Milan ha vinto a Parma

In Quebec, ora possiamo assistere al ritorno di Audrey a Télé-Québec. La serie sarà presto trasmessa in Francia su Canal+ e in Italia sulla RAI. Cosa attrae gli stranieri?
Guillaume Lambert: Mentre cerchiamo di fare le cose in modo autentico e di essere vicini all’intimità dei personaggi, la storia diventa universale. Scommettiamo anche che c’era un personaggio principale che parlava un po’ e penso che ci sia piaciuto. C’è una sorta di modernità e originalità in questo punto di vista. E poiché offriamo uno spettacolo ibrido che oscilla tra dramma, commedia, fantasia e realismo, ai festival ci distinguiamo nel presente. Inoltre, gli attori sono fantastici.

Hai appena pubblicato il tuo secondo libro, Eschatologie (Leméac). Perché torniamo a scrivere romanzi dopo tutti questi anni passati a scrivere sceneggiature per TV e film?
Guillaume Lambert: Libertà. Questa è una cosa molto cruda che ho scritto nel mezzo di una pandemia. Avevo bisogno di tenere un diario per la mia sanità mentale e di svolgere un compito di memoria. Questi eventi sono accaduti appena due anni fa e continuiamo ad andare avanti, ma impareremo dai nostri errori? Inoltre, la letteratura mi permette qualcosa che l’audiovisivo non mi permette, ovvero entrare nei pensieri intimi del narratore. Scrivo romanzi in modo che non siano adattati alla televisione o al cinema. Per il semplice amore delle parole.

Rivelerai estratti dalla vita e dai pensieri di un personaggio satirico nel mezzo di una pandemia. Hai paura che le persone esiteranno a leggere un libro scritto in questo periodo?
Guillaume Lambert: Certo, ma la pandemia è più il contesto della storia che il cuore della storia. Il romanzo parla di una persona privilegiata che perde tutto, il suo lavoro e la sua libertà di movimento. Ci tuffiamo nella testa di un profondamente misantropico che analizza il mondo moderno, l’individualismo e le tante diverse realtà che sono passate inosservate durante la pandemia, una forma di sofferenza vista dal suo punto di vista.

READ  Storia e film per vedere questo precursore di molti tipi di settima arte

informazioni | guillaumelambert.net

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.