Laicità | Indossare il velo islamico accende il dibattito politico in Belgio

(Bruxelles) La questione dell’indossare il velo islamico ha alimentato polemiche politiche in Belgio, costringendo lunedì il primo ministro a chiarire ai parlamentari le dimissioni di una velata marocchino-belga dalla sua posizione di rappresentante del governo in un ente pubblico.


Ishan Hawash, 36 anni, venerdì si è dimessa dall’Istituto per l’uguaglianza di donne e uomini (IEFH) dove ricopriva la carica di commissario del governo con il compito di garantire il rispetto della legge e l’interesse pubblico.

Per giustificare la sua decisione, questa donna è stata coinvolta nella lotta al sessismo, in particolare sul lavoro, e ha affermato di voler “proteggersi dallo stalking online”. Si è lamentata di essere stata soggetta a “implacabili attacchi personali” da quando la sua nomina alla posizione è stata rivelata sei settimane fa.

Può una donna velata esercitare una posizione pubblica di autorità e rappresentare lo Stato, che deve osservare il principio di imparzialità nel suo rapporto con il culto? La questione è stata spaccata anche all’interno della coalizione di governo guidata da Alexandre de Croo.

Il primo ministro ha difeso per primo l'”autobiografia tangibile” di questo laureato.

Segni distintivi religiosi

Il liberale fiammingo ha anche osservato che l’uso di qualsiasi segno distintivo religioso era vietato dallo stato federale a qualsiasi funzionario “a contatto con il pubblico”, il che non era il caso del maestro.io Note a IEFH.

Ma la nomina, su iniziativa del partito Écolo-Groen e del suo ministro degli Esteri Sarah Schlitz, è stata fortemente contestata dall’opposizione e all’interno di una formazione di coalizione, il Movimento di Riforma (MR, Liberalismo francese).

READ  Kiev fa causa a Mosca davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo per "omicidi mirati" di oppositori (tribunale)

La polemica si è intensificata il 3 luglio, con dichiarazioni pubblicate sul quotidiano Sera da Bruxelles Ishan Hawash, dichiarazioni che lei stessa ha considerato “imbarazzanti” dopo quattro giorni.

Nell’intervista, la figlia di un diplomatico marocchino ha considerato “discriminatorio” il divieto di indossare simboli religiosi in Belgio.

“Il dibattito non è: stiamo mettendo in discussione la separazione tra Chiesa e Stato? È così che viene rifiutata con il cambiamento demografico? Ha aggiunto. Un segno che la percentuale di musulmani a Bruxelles è più alta che nel resto del Belgio (5- 7% nel paese secondo i ricercatori).

Contatti con i Fratelli Musulmani?

Questo è stato visto da molti come una messa in discussione della neutralità dello stato, che il signor de Croo chiamava un “principio fondamentale”, che il signor de Croo chiamava.io Hawash durante un’accesa sessione di domande e risposte giovedì alla Camera dei Rappresentanti.

Madre. De Crew eio Schlitz ha dovuto spiegare la sua posizione lunedì a una commissione parlamentare su una nota redatta dalla sicurezza dello stato – l’intelligence civile belga – sollevando “sospetti” di legami tra il sig.io Hawash e i Fratelli Musulmani.

La persona in questione si era già difesa con vigore il 3 luglio, sottolineando che questo movimento non era conosciuto “né da vicino né da lontano”. Madre. De Crew eio Schlitz si è rifiutato di rivelare il contenuto di questa nota – “segreta” e quindi riservata – ed ha escluso qualsiasi collegamento con le dimissioni del maestro.io note a piè di pagina.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *