La scienza sta risparmiando nel tentativo di proteggere l’istmo di Mykolon Lang

Il futuro dell’istmo di Miquelon-Langued, vittima dell’erosione, è al centro delle preoccupazioni a Saint-Pierre e Miquelon. Il ricercatore Nicholas Rubin ci invita a fare un passo indietro e considerare tutte le possibili opzioni per quanto riguarda il futuro della catena montuosa delle dune.

La sua specialità: le dinamiche costiere. Nicholas Rubin, insegnante e ricercatore presso l’Università di Perpignan, è abituato alle dune di sabbia che studia da molti anni. Il ricercatore ha completato la sua tesi sull’istmo di Miquelon-Langued. Ha lavorato principalmente a uno studio globale dell’istmo, un lavoro finanziato dal Ministero dei territori d’oltremare, dalla Comunità regionale e da Datam. In tutto, il ricercatore ha visitato l’arcipelago sei volte in missioni che sono durate diverse settimane. Ovviamente ha seguito a distanza i recenti episodi di spogliarello e il lavoro svolto.

Leggi anche: È possibile preservare l’istmo del Mycolon-Anglade da alti livelli di acqua?

Sappiamo che peggiora l’erosione.

Secondo lui, RepRap esiste “solo per proteggere i rischi”. Ma secondo questo specialista, loroNon è senza conseguenze per la dinamica dell’ambienteNello scenario attuale, la posta in gioco è la strada che collega Miquelon con Langled.

Infatti, rispetto a situazioni simili altrove, RepRapEffetti sulla dinamica sedimentaria dell’ambiente.“Determina che il duro lavoro può”Accentua la corrosione ai piedi della struttura.

Tieni in considerazione le caratteristiche dell’ambiente

A causa delle sue dimensioni e della bassa altezza, l’istmoAmbiente molto sensibile.“Secondo Nicholas Rubin. In questo momento il ricercatore pensa che ci sia.”Un divario di conoscenza molto forte sull’arcipelago“Che non può essere superato. Ma insiste sulla verità.”Quella dinamica deve essere attivata per migliorare questa conoscenza. “

Per essere considerato per la pianificazione dell’uso del suolo, è essenziale avere la migliore conoscenza scientifica possibile dell’ambiente.

Nicholas Robin

Inoltre, richiede di pensare alla strategia da seguire per preservare l’istmo. Secondo il ricercatore, spetterà al “preside mettere insieme la conoscenza di questo pensiero” per arrivare alla decisione.Questo sembra loro il più appropriato rispetto ai problemi dell’arcipelago. “

READ  Monsters of Science: come fa questo ragno ad allevare lucertole?

Qualche futuro per l’istmo?

Nicholas Rubin ritiene che si possano prendere in considerazione due opzioni per il futuro dell’istmo:Un futuro naturale senza influenza umana, Che potrebbe portare alla scomparsa della catena montuosa delle dune, oUn futuro legato all’azione umanaMa le due opzioni presentano incognite: è impossibile determinare quando l’istmo scomparirà se lasciamo che la natura faccia il suo corso; è anche difficile.Per guardare l’evoluzionePer quanto riguarda il futuro dell’istmo, questa è la seconda opzione.

Anche allontanarsi dalla strada è qualcosa che non è sostenibile nel tempo.

Nicholas Robin

E le caratteristiche naturali del bordo della duna significano che le opzioni di gestione sono alquanto limitate, secondo il ricercatore. “Quel che è certo è che con le tecniche di reinsediamento o riconfigurazione spaziale, diventate oggi molto di moda, (…) L.La difficoltà è che non c’è spazio per il trasporto su strada.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *