La reazione dello Spartak dopo l’esclusione dalla Lega Europea

Lo Spartak Mosca ha rilasciato una dichiarazione lunedì esprimendo la propria delusione dopo essere stato espulso dall’Europa League dalla UEFA per l’invasione russa dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin.

Il Lipsia si è qualificato per la prima volta ai quarti di finale Lega Europea…senza giocare. Il club tedesco ha visto due volte un allentamento del programma lunedì dopo la decisione della UEFA di escludere tutte le squadre russe dalle sue competizioni fino a nuovo avviso. Ultimo rappresentante della Russia sulla scena continentale, lo Spartak Mosca ha risposto prontamente dopo questa dura esclusione causata dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia del presidente Putin.

“La recente decisione presa da UEFA e FIFA, sebbene prevista, è estremamente deludente”, ha affermato il club in una nota. comunicazione ufficiale. Sfortunatamente, gli sforzi del nostro club in Europa League sono stati vanificati per ragioni che esulano dal campo dello sport”.

>> Tutte le conseguenze della guerra in Ucraina sullo sport

“Costruisci ponti, non bruciarli”

Come molti altri sport come il basket, l’hockey su ghiaccio o la Formula 1, la Russia si trova sempre più isolata e gli atleti russi vengono esclusi dalle competizioni in cui hanno vinto il diritto di partecipare. Lo Spartak si è qualificato brillantemente per la fase a eliminazione diretta di Europa League conquistando il primo posto nel proprio girone davanti a Napoli e Leicester, vedendo così lo Spartak concludere la sua epopea europea sul tappeto verde. Non senza vera amarezza da parte dell’allenatore italiano Paolo Fanoli da dicembre.

“Spartak ha milioni di fan non solo in Russia, ma in tutto il mondo. I nostri successi e fallimenti uniscono persone provenienti da dozzine di paesi diversi. Crediamo che lo sport, anche nei momenti più difficili, debba mirare a costruire ponti, non a bruciare loro, ancora una volta hanno valutato il club con dieci scudetti russi, e siamo obbligati a rispettare una decisione con la quale non siamo d’accordo”.

READ  Juventus/Roma: su quale canale seguire in diretta la partita di domenica?

>> Il migliore dell’Europa League è RMC Sport

Lo Spartak non è al meglio in P1

L’ex club di punta dello Spartak Mosca dell’URSS dal 2003 appartiene al miliardario Leonid Fedun, capo di Lukoil – il primo gruppo petrolifero russo – e uomo d’affari molto vicino a Vladimir Putin. Privato della fine della sua avventura in Europa League e ricongiunto all’ex allenatore Domenico Tedesco, ora di stanza a Lipsia, il club moscovita si concentrerà sul torneo.

“Per ora, ci concentreremo sulle competizioni locali e attendiamo con impazienza la rapida pace di cui tutti hanno bisogno”, ha concluso lo Spartak nella loro lettera. Lo Spartak Mosca è solo nono in Premier League russa, già dieci punti dietro le posizioni europee e rischia seriamente di perdere la qualificazione alle prossime competizioni UEFA. A condizione che i club russi possano giocarci.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.