La pasticceria di ispirazione colombiana apre i battenti

Affari. Un residente di Drummondville di origini colombiane è andato in salita negli ultimi mesi per poter aprire la sua panetteria sul Mercure Boulevard. Pieno di insidie, il Délices Granada Journey è il risultato finale di un progetto consolidato che ha richiesto un investimento di quasi 600.000 dollari.

La panetteria Les Délices Granada è un’associazione tra Esneider Granada, Lina Arias, Wilder Ramirez e Amélie Bartholomé. I comproprietari formano un quadrilatero fuori dal comune.

Esnaider Granada possiede la pasticceria Delice Granada.
(Foto: Gislyn Bergeron)

Il signor Ramirez ha spiegato: “Sono colombiano e ho incontrato mia moglie di origine belga qui, a Drummondville. Abbiamo avuto tre figli. Anche il mio compagno, Esnader, è colombiano, ma ha rotolato la pancia in Ecuador, a Sherbrooke e St. Hyacente .”

La storia di Delice Granada è una storia di perseveranza e fede. Tutto è iniziato cinque anni fa.

“Snyder lavorava in una panetteria a San Hyacente. Uno dei suoi colleghi gli chiese dove si vedesse dopo cinque anni, e lui disse che voleva diventare il proprietario della proprietà. Gli bastava, dopo cinque anni, per acquisire l’azienda. La cosa divertente è che i figli di Sneider hanno scelto il nome senza consultarsi”.

Non tutto è andato liscio, ma la perseveranza del fornaio colombiano ha superato le insidie ​​della vita.

“Subito dopo l’acquisizione della panetteria Saint-Hyacinthe (casa madre), nel 2019, è arrivata la pandemia. Ci voleva una fede incrollabile per avviare un’impresa. Tanto che ha deciso di aprire un’altra panetteria a Sherbrooke nel giugno 2021. Una cosa porta a un altro, hanno ottenuto l’edificio sul Mercure Boulevard per fare la terza filiale lì. “Vogliamo promuovere il delizioso cibo colombiano”, ha affermato Wilder Ramirez, che vive in Quebec da 20 anni e lavora anche nel settore informatico.

READ  Restauro del Teatro Dole di Chatillon Architects

Ancora una volta, avviare un’attività a Drummondville non è stato facile. I tempi di consegna hanno fatto sudare freddo ai proprietari.

Il pane è fatto a mano. (Foto: Gislyn Bergeron)

“L’edificio ha dovuto essere diviso e adattato, il che ha richiesto modifiche. Avevamo programmato di aprire a novembre, ma il nostro forno a convezione, che arriva dall’Italia, non è arrivato! L’installazione è iniziata solo a metà dicembre. Abbiamo lavorato duramente per aprire finalmente alle nostre porte la vigilia di Natale. Wilder Ramirez ha aggiunto: “Stiamo aspettando parti per un altro dispositivo che al momento non è attivo”.

Pani, pasticcini, pasticcini e torte sono fatti a mano con farina biologica.

Un investimento di quasi $ 600.000 ha creato finora cinque posti di lavoro, ma la popolarità del panificio suggerisce che entro pochi mesi 12 persone potrebbero essere impiegate lì. “Finora i clienti ci sono”, ha concluso il signor Ramirez.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.