La NASA descrive in dettaglio il processo di raffreddamento dello strumento James Webb

Il James Webb Space Telescope, lanciato il 25 dicembre 2021, subisce un processo di raffreddamento fino a raggiungere la temperatura giusta per funzionare a pieno regime. Una nuova dichiarazione pubblicata sul sito ufficiale della NASA spiega un po’ di più questa parte della missione.

Secondo l’agenzia spaziale statunitense, lo strumento noto come “MIRI” (abbreviazione di “Middle Infrared Instrument”) dovrebbe funzionare a una temperatura compresa tra -239,15 gradi Celsius (Celsius) e -234,15 gradi Celsius. Tuttavia, i suoi rivelatori ottici – essenzialmente, gli “occhi” di un telescopio in grado di vedere la luce – dovrebbero essere molto più freddi di così. È qui che entra in gioco il “radiatore raffreddato”.

Leggi anche

Il MIRI, uno dei principali strumenti del telescopio spaziale James Webb, richiede un raffreddamento estremo per funzionare (Immagine: NASA/JPL-Caltech/Handout)

“Nelle ultime due settimane, il dispositivo di raffreddamento ha fatto circolare elio raffreddato attraverso la linea ottica MIRI, che ci consentirà di raffreddarlo fino a -258,15 gradi Celsius. Presto, i criogeni dovranno affrontare i loro giorni più difficili di missione”, hanno affermato Konstantin Benanen e Brett Naylor, specialisti del raffreddamento presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA (JPL-Caltech), attivando le valvole criogeniche, reindirizzerà l’elio e lo costringerà a restringere il flusso. diventare più freddo, portando la temperatura di esercizio dei rivelatori MIRI al di sotto di -266,15°C.

Infatti, a qualsiasi temperatura superiore a questa, i fotorivelatori saranno effettivamente “ciechi”. Poiché sono sintonizzati per funzionare a frequenze del medio infrarosso, non ci sono altre opzioni per il loro funzionamento. Per questo motivo il MIRI è installato all’esterno della griglia metallica dove si trovano anche le lenti del telescopio – incredibilmente riscaldato assorbendo la luce solare, ma in questo modo lo strumento è isolato termicamente.

“Il raffreddamento di questo strumento è una delle ultime grandi sfide di Webb prima che il nostro team possa davvero rilassarsi, e superare quel punto è un passo molto importante in questa sfida”, hanno affermato Alistair Glass e Macarena Garcia-Marin, entrambi esperti di calibrazione MIRI, quando il tempo ha ragione, il liquido di raffreddamento sarà Ha estratto quasi tutto il calore da 100 kg di metallo MIRI, i resti del giorno orbitale del suo lancio.

Hai visto i nostri nuovi video su Youtube? Iscriviti al nostro canale!

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.