La guerra in Ucraina | Quando la Russia presenta il suo attacco come una “guerra santa”

(Mosca) ‘Ferma il Signore dell’Inferno’: da diverse settimane le autorità russe cercano di dare una dimensione religiosa e sacra alla loro offensiva contro l’Ucraina. Ma questo discorso è diviso anche all’interno della Chiesa ortodossa.


Riferendosi all’importanza della dimensione spirituale che il Cremlino cerca di infondere nel suo intervento militare, Vladimir Putin ha sottolineato, durante le congratulazioni per il nuovo anno, che la “correttezza morale” è dalla parte di Mosca.

Questa affermazione dimostra la volontà delle autorità di dissipare i dubbi di una parte della popolazione che ha perso l’equilibrio a causa dell’ingresso delle forze russe in un Paese dove, come in Russia, la maggioranza dei credenti sono cristiani ortodossi.

Con Mosca che ha subito diverse battute d’arresto militari, la retorica religiosa ha guadagnato sempre più slancio dalla caduta, con alti funzionari e media statali che hanno descritto l’intervento in Ucraina come una “guerra santa” contro un Occidente che è stato descritto come decadente.

All’inizio di novembre, l’ex presidente Dmitry Medvedev, ora il numero due del potente Consiglio di sicurezza russo, ha affermato che “l’obiettivo sacro” dell’attacco era “fermare il signore dell’inferno”.

“Stiamo combattendo coloro che ci odiano e vietano la nostra lingua, i nostri valori e persino la nostra fede”, ha detto Medvedev, che considera i nemici della Russia “nazisti” ucraini e “cani” dell’Occidente.

Sacerdoti militari

Oltre ai sermoni, l’intreccio tra religiosi e militari è testimoniato da decine di sacerdoti inviati al fronte per sostenere i soldati.

Il sacerdote militare Svyatoslav Chorkanov ha dichiarato all’AFP che le missioni avevano lo scopo di impedire ai soldati di “perdere la vita”. […]Anche se la situazione li spinge a farlo.

READ  Joe Biden dice: "La guerra nucleare è impossibile da vincere e non dovrebbe essere condotta".

Il sacerdote deve “radicare nello spirito dell’esercito che i prigionieri non dovrebbero essere torturati […] Non dovremmo né saccheggiare né danneggiare i civili”.

Il sacerdote non mette in dubbio la fondatezza di questo assalto all’Ucraina, che, secondo lui, consiste nel difendere i “valori tradizionali” di cui il Cremlino e la Chiesa ortodossa russa si presentano come protettori.

“In Ucraina, anche in condizioni di guerra, organizziamo un ‘gay pride’ per mostrare l’adesione ai valori occidentali”, soffia il sacerdote, facendo eco alla retorica del potere russo nell’Occidente “decadente”.

A testimonianza dell’importanza di questi religiosi nel conflitto, Putin a novembre ha conferito il titolo di Eroe della Federazione Russa, la più alta onorificenza del Paese, al sacerdote ortodosso Mikhail Vasiliev che è stato ucciso nella zona di combattimento.

Anche il patriarca Kirill, capo della Chiesa ortodossa russa, ha espresso sostegno all’offensiva militare, affermando che dovrebbe essere dato sostegno ai “fratelli” filo-russi nell’Ucraina orientale che “rifiutano” i valori occidentali.

Durante un sermone alla fine di settembre, ha affermato che coloro che sono stati uccisi mentre svolgevano il loro “dovere militare” hanno compiuto un “sacrificio che lava via tutti i peccati”.

Per Nikita Astakhov, direttore artistico del teatro spirituale “spirituale” “Glass” (“The Voice”), che mette in scena spettacoli che trattano questioni religiose, “la Russia ha sempre resistito al male”.

“La Russia non sarà mai sconfitta finché più della metà della popolazione russa sarà ortodossa”, ha detto ad AFP.

“Mezza età”

Ma il coinvolgimento della Chiesa nel conflitto e il crescente discorso religioso che lo circonda non è unanime in Russia.

“La retorica del ‘jihad’ viene direttamente dal Medioevo”, ha detto in un’intervista ad AFP Andrei Kordochkin, sacerdote della Chiesa ortodossa russa con sede a Madrid.

READ  La Russia accusa Londra di impedirle di partecipare alla riunione dell'OSCE

“Questo è il termine esatto usato da papa Urbano II quando benedisse la crociata (che fu lanciata nel 1096), promettendo ai crociati che i loro peccati sarebbero stati perdonati”, spiega.

Ma è impossibile tornare al passato. […] La guerra, che è una forma di uccisione, non può avere alcun significato spirituale”, aggiunge.

Se il Patriarcato di Mosca mostrasse un sostegno esplicito all’intervento militare, provocherebbe un putiferio nel mondo ortodosso, con un’aspra lotta tra la Chiesa ortodossa russa e quella ucraina.

Anche all’interno del clero russo ci sono differenze: da 1Versetto Marzo, una colonna contro la “guerra fratricida” firmata da 293 religiosi ortodossi.

Il sacerdote Andrei Kordochkin ha detto: “Non solo la società (russa) è divisa, ma anche la chiesa e il clero”.

Molti dei firmatari del testo sono stati puniti dal patriarcato, ha affermato, a condizione dell’anonimato. “Alcuni di loro sono stati trasferiti dalle loro parrocchie in cui avevano prestato servizio per anni e sostituiti da sacerdoti fedeli all’autorità”, ha detto, descrivendo l’attacco russo come una “catastrofe”.

“Negli ultimi anni, i legami tra l’autorità suprema ortodossa e l’autorità si sono rafforzati”, continua questo sacerdote. “Lo Stato ha aiutato molto la Chiesa e questo aiuto ha creato una grande dipendenza”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *