Judy Schmidt ci parla del suo meraviglioso trattamento della clip di James Webb

Esplorali interviste Ricercatori, fotografi e viaggiatori sono testimoni di un mondo che cambia sotto il giogo del riscaldamento globale.

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] Le prime immagini dal telescopio spaziale James Webb
Scopri le prime immagini inviate dalla NASA al JWST, un telescopio spaziale dalle prestazioni impareggiabili.

Già da 10 anni ha controllato i dati che ha ottenuto telescopio il mio posto Hubble, e ora James Webb. Judy Schmidt, meglio conosciuta come jikzilla Sul suo sito e via flickro anche l’app SpaceGeck Twitter, stupisce il mondo con le immagini astronomiche che produce. Nulla gli sfugge: “Controllo regolarmente l’archivio, quindi quando appare qualcosa di interessante, lo scarico e lo controllo”, ho detto a Futura. E più recentemente, i dati JWST sono stati ovviamente sotto i riflettori! un esercito il computer finestre [qu’elle a construit elle-même]Da tavola Wacom e Photoshop, più a Software SPEDIZIONE GRATUITAESA Si chiama FITS Editor., Jodi ha già elaborato circa 700 foto. Funzionamento preciso, soprattutto per Colori. “Non conosco il numero esatto, ma sono sicuro che è un’approssimazione molto stretta”.

Spiega all’editore: “I colori sono semplicemente il prodotto della combinazione di dati nei canali rosso, blu e verde. I dati originali sono tutte immagini in scala di grigi. Di solito scarico tutte le combinazioni possibili e le guardo per vedere cosa funziona meglio. Successivamente, creerò sicuro di creare il bilanciamento del bianco, cioè regolo i canali di colore in modo che l’immagine non appaia troppo colorata in un colore o nell’altro. Una volta raggiunto il bilanciamento del bianco, ci sembra più naturale occhi. »

“Le nebulose stellari sono tra i luoghi più belli del cielo.”

Quando le è stato chiesto se avrebbe preferito tra le 700 foto scattate, ha risposto: “Questa è la domanda più difficile. Ce ne sono alcune a me care.” Ma alla fine, il prescelto è una nebulosa, in particolare una parte di Complesso Camaleonte. “Oltre ad essere una delle prime immagini più difficili da creare per me, credo nebulose Le stelle si formano dai luoghi più belli del cielo, Lei è entusiasta. Il complesso del Camaleonte ha diverse sezioni: la parte che Judy ha elaborato è la prima, sulla base dei dati ottenuti da Hubble.

READ  Alleanza di diversi studi indipendenti per diventare un editore

Naturalmente, questo non è l’unico oggetto astronomico che Jodi ha avuto l’opportunità di studiare in dettaglio. “So con che tipo di oggetto ho a che fare quasi ogni volta, ma molti dettagli visibili in una determinata immagine diversi dal target principale potrebbero non avere ancora un nome o una designazione, lei spiegò. in rari casi, Ho scoperto qualcosa e non riesco a capire cosa sia, quindi potrebbe essere qualcosa di interessante. Questo è successo solo una volta con il Galaxy IC 5063 e non sono sicuro che accadrà di nuovo. » In effetti, questa galassia rivela uno strano raggi del crepuscolo recentemente analizzato dai ricercatori.

Altre immagini di JWST potrebbero essere pubblicate a breve…

Anche se è conosciuta a livello internazionale per le sue foto, soprattutto prima Nasa con chi hai collaborato di recente, Judy Schmidt Non pensare di renderlo un lavoro a tempo pieno. “Di certo non posso e non voglio. » Attraverso una formazione iniziale in graphic design, ho sempre amato l’astronomia e ho seguito APOD (La foto di oggi dell’astronomia) per anni prima di iniziare a trattare gli stessi dati.

E l’ultimo era più complicato degli altri: Giove ! “rotazione Giove era una sfida, Lei spiegò. Un telescopio non cattura tutte le sue immagini contemporaneamente. La maggior parte sono almeno a pochi minuti di distanza, ma per l’immagine tricolore di Giove in particolare, uno era più di 30 minuti dietro l’altro. Giove ruota molto rapidamente, quindi 30 minuti sono più che sufficienti perché il pianeta non si allinei affatto con le altre immagini. Risolvo questo problema proiettando l’immagine su una sfera 3D, quindi utilizzando il software 3D per ruotare quella sfera per allinearla con le immagini precedenti. Non è perfetto, ma è il modo migliore che conosco per regolarli. » In quest’ultima foto, Jodi ha collaborato con la NASA. Presto arriveranno altre immagini da JWST, ma non ne sapremo di più fino al loro rilascio!

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.