Insegnante che taglia gli striscioni elettorali su TikTok

Un insegnante di scuola superiore potrebbe trovarsi nei guai dopo aver pubblicato un video clip che taglia gli striscioni elettorali nel cortile della sua scuola a Montreal.

• Leggi anche: Alex Terrell, leader del Partito dei Verdi del Quebec e candidato “Bonjour-Hi”.

• Leggi anche: Elezioni: gli striscioni non sono i benvenuti nei siti del patrimonio

• Leggi anche: Dopo “Renpentigny” e “René-Lévèsque”, il Partito conservatore ha scelto la leadership sbagliata del suo candidato in Laurier-Dorion

“Mi dispiace, ma questo è il cortile della scuola. Non ha affari lì”, ha sbagliato Xavier Watso in un video pubblicato questa settimana su TikTok dove lo vediamo con le forbici.

In questa sequenza di circa 15 secondi, un insegnante della Louis-Riel High School, situata nel distretto di Mercier-Hochelaga-Maisonneuve, taglia due voti elettorali per il Partito conservatore del Quebec (PCQ) e il Parti Québécois (PQ).

Il video dell’insegnante di recitazione è diventato rapidamente virale con 600.000 visualizzazioni, oltre a suscitare indignazione sui social media.

“Se avessi saputo che quello che stavo facendo era illegale, non mi sarei filmato mentre lo facevo. Pensavo che non fosse legale mettere manifesti nel cortile della scuola”, si difende in un’intervista a Registrati Saverio Watson.

L’insegnante aggiunge di non aver mai visto un cartello nel cortile della scuola in quasi sei anni di lavoro. Ci assicura che era in buona fede. Si noti che le etichette sono state restituite ai candidati PCQ e PQ. Alla fine sono stati restituiti perché erano legali nel cortile della scuola.

“È stato sconsiderato da parte mia e in seguito ho imparato molto sugli striscioni elettorali”, dice. Il signor Watsuo ha anche appreso che avrebbe potuto essere sporto denuncia alla polizia contro di lui per questo errore.

READ  Le debolezze dei repubblicani sono mostrate

Quando è stata contattata su questo argomento, Elections Quebec ha rifiutato di commentare il caso speciale del professore alla Louis-Riel High School.

Tuttavia, vorrei ricordarvi che il furto o il vandalismo di manifesti sono reati disciplinati dal codice penale. Queste situazioni dovrebbero quindi essere denunciate alla polizia”, spiega il suo portavoce, Jonathan Goderault.

Il datore di lavoro dell’insegnante, il centro servizi scolaire de Montreal, ci assicura che “non sostiene nessuna iniziativa che sia in conflitto con i valori democratici della nostra società”.

“Applichiamo anche una legge elettorale che consente specificamente di affiggere sulla proprietà dei centri di servizio scolastico, esclusi i loro edifici, e invita tutti i residenti a rispettarlo”, aggiunge.

Si noti che PCQ ha rifiutato di commentare il taglio del poster e che la nostra richiesta di un colloquio con un candidato PQ è rimasta senza risposta venerdì.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.