Italia – Giornata 27 – Italia: il Milan cade contro il Napoli

Italia – Giornata 27

Dominata dai napoletani molto più corretti nelle loro scelte, i milanesi hanno bevuto la coppa a San Siro (0-1). Gli uomini di Pioli sono retrocessi a nove lunghezze dall’Inter e vedono la Juve tornare sui talloni.

La lezione: il Milan si è lasciato sfuggire l’Inter

Più ci si avvicina alla fine della stagione, più Milano lascia punti sulla strada. Pressati dalla vittoria dell’Inter, i rossoneri non hanno risposto Napoli questa domenica sera. Nel complesso dominati in una partita dove le occasioni erano scarse, i milanesi hanno accumulato troppi errori grossolani e logicamente inchinati contro i napoletani di palla più precisa al piede (0-1). Sul loro prato gli uomini di Pioli avevano però acceso i primi stoppini. Ma Leao è stato preceduto da Ospina e Calhanoglu ha mancato il fotogramma (4 °, 11 °). Dopo questi primi dieci minuti, i napoletani hanno preso la misura dei loro ospiti. Installati nel campo avversario, hanno costretto Donnarumma a due prime parate davanti a Insigne e Zielinski (14 °, 16 °). Nella maestria tecnica mancava solo la precisione nei loro pochi tentativi, come quelli di Insigne e Mertens (29 °, 43 °). Costretti ad evolversi in transizione, i rossoneri sono stati troppo abili per vacillare la difesa avversaria.

La situazione si è fatta dura appena siamo tornati dagli spogliatoi. Dopo un recupero di Hysaj sul lato sinistro, Zielinski si precipita con il pallone nel cuore del gioco e compensa perfettamente Politano, lanciato sul lato destro. In area quest’ultimo manda un tiro troppo schiacciato ma sufficientemente crosso per ingannare Donnarumma (0-1, 49esimo). Spenti, i milanesi restano in vita grazie ad un’altra fermata decisiva del loro portiere su un potente tiro al volo di Fabian Ruiz all’ingresso dell’area (58 °). Una parata che ha permesso loro di tornare al loro posto. Ma Leao è stato troppo timido nel recupero (65 °) prima che Ospina fosse solido su un colpo di testa di Rebic dopo una punizione di Tonali (70 °). Dopo venti minuti molto agitati, Rebic ha lasciato esplodere la sua frustrazione e ha visto il rosso dopo gli insulti rivolti all’arbitro (90 ° + 2). Una crepa che simboleggia la mancanza di controllo dei milanesi per tutta la partita. Con questa terza battuta d’arresto in sei partite, il Milan lascia scivolare il vicino di casa verso lo scudetto. Il Napoli torna in corsa per la Champions.

READ  Il colpo di forza dell'italiano Marco Frigo

Il vincitore: Zielinski, partita coerente

Senza essere eccezionale, il polacco ha rilasciato una solida prestazione alla posizione numero 10. Alle spalle di Mertens nel 4-2-3-1 napoletano, ha iniziato la sua partita con un tiro al volo che ha costretto Donnarumma al primo stop (16 °). Non avaro negli sforzi per perdere palla, non gli è mancata la lucidità nelle scelte. E se Insigne non aveva inquadrato il suo tiro su un servizio perfetto (29 °), Politano ha convertito l’offerta del suo trequartista dopo l’intervallo. Un passaggio decisivo che premia la sua partita molto seria, fino alla sua uscita a quindici minuti dalla fine (75 °).

Il perdente: Leao non è ispirato

Poco in vista a metà settimana contro il Manchester United, l’attaccante portoghese non si è ripreso domenica sera. Tuttavia, la sua velocità è stata sufficiente a ferire un blocco napoletano posizionato molto in alto sul terreno. Ma l’ex giocatore del Lille ha usato troppo male i suoi contropalle, soprattutto nel primo periodo, ed è stato anche poco pericoloso sotto porta. Come questo mancato recupero quando si trovava idealmente davanti ad Ospina (65 °).

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *