Inghilterra e Italia hanno vinto un’amichevole e Olanda e Germania hanno pareggiato

Inglesi e italiani erano pieni martedì sera, in un’amichevole, mentre la partita Olanda-Germania non ha trovato la vittoria.

L’Italia vince il titolo d’onore in Turchia, Donnarumma è febbricitante

L’Italia, ancora alle prese dall’affondamento contro la Macedonia del Nord sulla strada per il Qatar, come il frenetico Gianluigi Donnarumma, ha vinto martedì in Turchia (3-2) grazie a una doppietta di Giacomo Raspadori. Il giovane attaccante del Sassuolo (22), insediato sulla sinistra dove Lorenzo Insigne era trasparente la scorsa settimana, si è dimostrato molto impressionante segnando il secondo e il terzo gol per i campioni d’Europa (39 e 70).

In precedenza Brian Christian aveva rimesso in sella l’Italia a volontà (35) dopo aver aperto il punteggio veloce turco, firmato dall’esterno del Marsiglia Cengiz Ender, che molto lentamente ha mandato il pallone tra le gambe di Donnarumma (quarto). Donnarumma, nel bel mezzo di un incubo di alcune settimane con PSG e Nacional, è andato molto vicino a un goal-gag alla fine del primo tempo infilando un passaggio. E se è stato decisivo in due tentativi di Hakan Calhanoglu e un colpo di testa a fine partita, sembrava un po’ indietro rispetto al secondo gol turco di Serdar Dorsun (83).

L’Inghilterra ha battuto la Costa d’Avorio senza essere costretta

Con l’impressionante Judd Bellingham in carica, da un climax di 18 anni e il forte Raheem Sterling, l’Inghilterra ha battuto facilmente la Costa d’Avorio (3-0) ridotta a 10 dal primo periodo, in un’amichevole, martedì a Wembley. La partita era già stata giocata nell’intervallo, con Sterling che ha mostrato a Watkins il primo gol (1-0, 30° posto) prima di raddoppiare il vantaggio (2-0, 45° posto), quattro minuti dopo che Serge Aurier ha ricevuto il secondo cartellino giallo sinonimo di squalifica e se ne andò. La sua squadra è in inferiorità numerica. Nei tempi supplementari, Tyrone Mings aumenta le marcature con un calcio d’angolo (3-0, 90+3).

READ  Piede - Scomparsa - Matt Antoine Bonifaci, leggenda dell'OGC Nice

Olanda e Germania si neutralizzano a vicenda

Nel quinto confronto in meno di quattro anni, Germania e Olanda hanno pareggiato martedì (1-1) alla Johan Cruyff Arena di Amsterdam. Contro gli olandesi, la squadra allenata da Hansi Flick ha pensato di fare del suo meglio poco prima dell’intervallo, quando il veterano Thomas Muller è riuscito a ritrovare l’apertura durante una partita un po’ chiusa (45+1). Completamente isolato all’ingresso dell’area dal giovane e promettente Bayern Monaco Jamal Musiyala (19), Muller è riuscito a infilare la palla tra un folto di gambe olandesi segnando il gol personale numero 43 in 111 selezioni.

Meno stimolante di cinque giorni fa contro la Danimarca (4-2), Louis van Gaal “Orange” da tempo non è riuscito a contrastare il rigido regolamento dei padroni di casa tedeschi, solo per offrire ai propri tifosi una prestazione di squadra degna delle loro formidabili qualità individuali. Ma l’ingresso in campo di Stephen Bergwijn dopo l’intervallo ha cambiato la dinamica del match. Presente dopo aver ricevuto un intelligente ritiro da Dumfries, il giocatore del Tottenham è stato pronto a regalare alla sua squadra il pareggio con un potente calcio d’inizio (1-1, 68). Nel frattempo, l’Olanda ha pensato di essere in grado di strappare il successo, cosa che davvero non si sarebbe meritata, quando il parigino Thilo Kehrer è riuscito a collegare l’ex Lyonnais Memphis Depay nell’area. Inizialmente convinto che ci fosse un errore in questa procedura, l’arbitro inglese dell’incontro, Craig Pawson, ha cambiato idea dopo essersi recato per una consulenza di videoassistenza. Questa piccola partita non meritava comunque un vincitore…

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.