In Uganda, Maxwell Atuhura “Per la giustizia che meritiamo”

Pubblicato in:

Maxwell Atuhura è diventato una delle figure nella lotta contro il controverso progetto petrolifero Tilenga/EACOP Uganda… All’inizio dell’anno, era in Europa per amplificare la voce dei residenti delle aree interessate dal progetto. Arrestato pochi giorni nel maggio 2021, continua a subire intimidazioni.

Maxwell Atuhura è un giovane sulla trentina, alto, sobrio… Nasce a Polisa, una zona nel cuore del progetto petrolifero, da una famiglia di 9 figli, i cui genitori sono contadini e pescatori…

Considerano gli abitanti della comunità di Polisa come persone primitive, L’attivista spiega. Dovrebbero essere analfabeti, ignoranti che non possono farsi sentire. »

Da bravo studente, ha trovato sponsor per pagare la sua istruzione. Studiò legge all’università dove iniziò la sua attività militare. Lavora per sensibilizzare e fornire assistenza legale nei villaggi. poi, ” Insieme ai colleghi, abbiamo formato un gruppo per fornire un sostegno concreto alle vittime del land grabbing affinché possano accedere alla giustizia ‘, è il dettaglio.

Poi viene coinvolto in varie organizzazioni, e si dimette quando non è soddisfatto… Lavora velocemente al progetto petrolifero che interessa direttamente la sua comunità. Unisciti all’organizzazione Africa Institute for Energy Governance (Afiego) che è molto attiva su questo argomento.

A Polisa, per aver aiutato sul campo un giornalista italiano, è stato trattenuto per diversi giorni e il suo ufficio è stato chiuso. Afferma che la polizia lo interroga severamente sulle sue posizioni contro il progetto petrolifero. Vittima di intimidazione, è ancora sotto processo… Oggi lavora in un luogo nascosto alla periferia di Kampala… Una cortina di ferro impedisce l’accesso al suo ufficio.

READ  Scalia Secretary of Labor: Contractor or Freelance Officer? The final federal rule lends clarity to the gig economy

Ci sacrifichiamo molto per dire di no a queste lamentele. Siamo isolati qui. Ci vedono come cattivi. Ma anche così, non mi fermerò “, conferma.

I suoi colleghi lo descrivono come una persona litigiosa e altruista. Seduto nel giardino della concessione, parla piano, a capo chino, ma si anima appena parla della vita quotidiana dei residenti e delle difficoltà che devono affrontare.

Non lavoro per l’ufficio o per essere in prima fila, insiste sulla selezione, ma per la giustizia che meritiamo. Nonostante il risarcimento che gli è stato imposto, Maxwell Atohora sottolinea l’ingiustizia dei viaggi e il crollo delle cellule sociali.

Cosa spera per il futuro? Vedere le persone disporre liberamente della propria terra, proteggere la ricchezza ecologica del paese e promuovere lo sviluppo dell’economia verde e sostenibile del paese.

Leggi anche:

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.