In Italia Silvio Berlusconi fa campagna su tutti i fronti

Veterano della politica italiana, Silvio Berlusconi sta suonando il suo ritorno al Senato il 25 settembre, istituto da cui è stato espulso nel 2013. A 85 anni si è addirittura lanciato su TikTok per corteggiare il giovane elettorato.

A pochi giorni dalle elezioni anticipate in Italia, la coalizione di destra spicca sempre più nettamente nei sondaggi. Insieme a Giorgia Meloni, di Fratelli d’Italia, e Matteo Salvini, della Lega, l’ex presidente del governo italiano Silvio Berlusconi fa campagna per il suo partito, Forza Italia.

>> Leggi: In Italia si sta delineando un ritorno dell’estrema destra prima delle elezioni legislative

A 85 anni il “Cavaliere”, che ha mutuato la comunicazione americana per lanciare la sua carriera politica negli anni ’90, si presenta in un breve video dal tono giocoso che lo conosciamo: “Ciao a tutti, eccomi”.

Siete 5 milioni su questa piattaforma e il 60% di voi ha meno di 30 anni, il che mi fa sentire un po’ invidioso

Silvio Berlusconi, presidente di Forza Italia

Seduto a una scrivania, in giacca e cravatta blu, il leader di Forza Italia dice di voler spiegare alle giovani generazioni come può aiutare a trasformare l’Italia in “un Paese che ti offre nuove opportunità e la possibilità di realizzare i tuoi sogni”.

spirito di vendetta

«Per lui è un’elezione importante, perché è un’elezione che, oggettivamente, gli permetterà di tornare senatore, di tornare in questa istituzione che lo ha cacciato», spiega Alessandra Ghisleri, specialista in comunicazione politica che ha collaborato con Silvio Berlusconi per più di vent’anni.

Nel 2013 Silvio Berlusconi è stato espulso dal Senato dopo una condanna per evasione fiscale. Da allora, vendicarsi è diventato un obiettivo e per questo tutti i mezzi sono buoni. “Il proverbio dice che una pillola al giorno toglie il medico di torno, e una pillola al giorno del nostro programma dovrebbe sbarazzarsi di questi signori della sinistra”, scherza il presidente di Forza Italia su TikTok.

READ  "Non lavoriamo più in Italia"

Se alcuni video superano il milione di visualizzazioni, i giovani incontrati da RTS a Milano sembrano tutt’altro che convinti. “Non è molto bravo a parlare su TikTok. Non è il formato classico su cui i giovani cercano [cette plateforme]“, commenta un passante intervistato da RTS. Un altro afferma: “Siamo un po’ caduti nel ridicolo, se posso essere onesto”.

Servizio televisivo: Valérie Dupont, in Italia

Adattamento web: jgal con afp

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.