In Italia le batterie diventano un nuovo punto di tensione in casa Stellantis

In Italia le batterie diventano un nuovo punto di tensione in casa Stellantis
In Italia le batterie diventano un nuovo punto di tensione in casa Stellantis

I sindacati italiani attaccano Stellantis per la fabbrica ACC. Il gruppo automobilistico ha infatti annunciato la sospensione della costruzione in Italia.

Quali sono i piani di Stellantis per la sua joint venture nel settore delle batterie, Automotive Cells Company? E’ la domanda che si pongono i sindacati italiani, dopo l’annuncio del colosso automobilistico.

Pochi giorni fa ha rivelato che avrebbe sospeso la costruzione di due stabilimenti ACC. Sono interessati i siti italiani e tedeschi e non quello dell’Hauts-de-France.

ACC e Stellantis parlano della necessità di rivedere le tecnologie delle batterie. Inoltre, il “Rallentamento della domanda di auto elettriche” ti permette di fare questa pausa.

Ma questa spiegazione non ha convinto i sindacati italiani, che valutano la sospensione “inaccettabile”. Sono particolarmente preoccupati che questa sospensione diventi una pausa a lungo termine.

“L’atteggiamento molto evasivo adottato da ACC dimostra chiaramente che il progetto di costruzione non è semplicemente rinviato di qualche mese, ma sospeso almeno fino alla fine dell’anno, senza alcuna certezza per il futuro”, scrivono i sindacati. L’hanno chiesto anche a Stellantis “assumersi le proprie responsabilità nei confronti dell’ACC”.

Stellantis, dal canto suo, ha voluto essere rassicurante e ha parlato “riprogrammazione del calendario”. Il gruppo ha riaffermato “l’importanza dello stabilimento di Termoli per la produzione di motori endotermici per i veicoli del gruppo”.

Leggi anche
Calo delle vendite della 500 elettrica: Fiat prende una decisione radicale

READ  "Sono orgoglioso di far parte del gruppo che ha portato a casa una medaglia che da tanto tempo scappava dall'Italia"

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *