Imprenditore volatile, canadese condannato a 13 anni di carcere in Cina

Shanghai | Scomparso nel 2017 in circostanze misteriose: venerdì, l’uomo d’affari cinese-canadese Xiao Jianhua, precedentemente famoso per essere vicino ai massimi leader comunisti, è stato condannato a 13 anni di carcere per frode.

Xiao Jianhua era uno degli uomini più ricchi del paese all’epoca e fondatore del Tomorrow Group, un impero con diversi interessi tra cui banche, immobili e assicurazioni.

Fino alla sua scomparsa, il signor Xiao viveva a Hong Kong in un appartamento di un hotel multi-stelle, il Four Seasons, famoso per essere un rifugio per gli uomini d’affari cinesi.

Secondo la stampa dell’epoca, il miliardario sarebbe stato rapito alla fine di gennaio 2017 da agenti di Pechino, a dispetto delle leggi di Hong Kong che successivamente vietano alla polizia cinese di operare nel territorio semi-autonomo.

Il caso ha suscitato scalpore nell’ex colonia britannica, che ha un quadro giuridico diverso da quello della Cina continentale.

Dalla scomparsa del signor Xiao, sono trapelate poche informazioni e le autorità cinesi hanno taciuto sulla questione.

Tuttavia, l’ambasciata canadese a Pechino il mese scorso ha confermato l’inizio del processo, ma senza specificare le accuse contro il suo cittadino.

Nessun diplomatico è stato autorizzato a partecipare.

“La Cina non riconosce la doppia cittadinanza”, ha giustificato venerdì un portavoce della diplomazia cinese, Wang Wenbin.

Ha spiegato durante una conferenza stampa quotidiana che il signor Xiao “non beneficia del diritto alla protezione consolare”.

La caduta del miliardario

Venerdì, il tribunale ha condannato l’uomo d’affari a 13 anni di carcere.

Il tribunale intermedio del popolo n. 1 di Shanghai, dove l’uomo d’affari è stato processato, ha dichiarato di essere stato ritenuto colpevole di “appropriazione indebita di fondi pubblici”, “uso illegale di fondi” e corruzione.

READ  Anteprima di settembre: l'estate sta andando agli straordinari?

Anche Xiao Jianhua è stato multato di 6,5 milioni di yuan (1,23 milioni di dollari canadesi).

Il conglomerato Tomorrow è stato condannato a pagare circa 55 miliardi di yuan ($ 10,45 miliardi di dollari canadesi).

Secondo i resoconti della stampa, il miliardario ha stretti legami con alti dirigenti del Partito Comunista Cinese al potere.

L’uomo d’affari potrebbe essere stato vittima della campagna anticorruzione del presidente cinese Xi Jinping, che, secondo i suoi critici, prende di mira anche i suoi oppositori politici e i loro sostenitori.

Il caso della “scomparsa” di Xiao Jianhua nel 2015 cita cinque librai di Hong Kong, noti per aver pubblicato libri con contenuti osceni sulla classe politica cinese.

Tutto è scomparso per riapparire nella Cina continentale, nelle mani delle autorità.

A uno di loro, Lam Wing Kee, è stato permesso di tornare a Hong Kong, di raccogliere un elenco di clienti dalla sua biblioteca e di tornare in Cina. Invece, ha convocato la stampa per dare una rivelazione esplosiva di ciò che gli era successo.

Di origine povera, Xiao Jianhua, dopo aver studiato alla prestigiosa Università di Pechino, iniziò a vendere computer. Un tempo era uno degli uomini più ricchi della Cina, grazie al gruppo Tomorrow da lui fondato.

Secondo la classifica dei miliardari cinesi di Hurun, la fortuna di quest’uomo è stata stimata in sei miliardi di dollari nel 2017, anno della sua scomparsa.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.