Il Vaticano: un cardinale al centro di una grande esperienza finanziaria

Un cardinale al centro di un processo finanziario senza precedenti in Vaticano: la Santa Sede ha annunciato sabato l’espulsione di dieci persone, tra cui l’influencer Angelo Pescio, coinvolto in un opaco caso di finanziamento per imprenditori italiani, dal lusso di un palazzo londinese.

Il cardinale Bessio, 73 anni, che è stato stretto collaboratore del papa, comparirà con gli altri imputati alla corte della Santa Sede dal 27 luglio.

È processato per appropriazione indebita, abuso di potere e testimoni in questo caso, i cui primi elementi hanno cominciato a comparire sulla stampa italiana nel settembre 2020, quando papa Francesco lo ha destituito dall’incarico.

In una dichiarazione rilasciata sabato dal suo entourage, il cardinale si è detto “vittima di un complotto” e ha protestato per la sua “assoluta innocenza”. Affermando di essere stato inchiodato in una “pillola mediatica”, ha detto che aveva fretta di spiegarsi.

Angelo Piccio era al secondo posto nella Segreteria di Stato, l’amministrazione centrale della Santa Sede, quando è iniziato l’acquisto del London Building nel 2014.

Appartamenti di lusso a Chelsea

Tra gli altri imputati, per abuso di potere deve essere ritenuto responsabile lo svizzero Rene Bruhlhardt, ex capo dell’Autorità per l’informazione finanziaria (AIF), la gendarmeria finanziaria della Santa Sede.

Saranno processati anche due membri del clero: monsignor Mauro Carlino, per lungo tempo segretario privato di Angelo Pesciu, e monsignor Enrico Crasso, già direttore dei beni riservati al ministro degli Esteri, un mana del valore di diverse centinaia di milioni di euro in gran parte da “St Peter Denier in altre parole.”, donazioni individuali al Vaticano.

READ  Messa conservatrice | Trump è tornato nell'arena politica domenica

Gli altri imputati sono Tommaso de Rosa, ex direttore dell’Aif, Cecilia Marugna, meglio conosciuta come “La signora del cardinale”, giovane cancelliere italiano incaricato dalla Segreteria di Stato di mezzo milione di euro per un conto in Slovenia. , l’investitore Raffaele Mincioni, l’avvocato Nicola Squells, Fabrizio Terrapasi, ex funzionario laico in Vaticano, e Gianluigi Torzi, il broker arrestato lo scorso maggio a Londra.

Per voce del loro avvocato, Rene Bruhlhart e Mauro Carlino hanno affermato sabato di essere sempre stati “leali” e di agire “nell’interesse della Santa Sede”.

L’investimento al centro dello scandalo è un edificio situato nell’elegante quartiere londinese di Chelsea, in Sloane Street, con una superficie di 17.000 metri quadrati che è stato convertito in una cinquantina di appartamenti di lusso. La prima partecipazione al progetto è stata acquisita nel 2014 dal Fondo lussemburghese gestito da Raffaele Mincione Holdings.

L’opaca gestione finanziaria, attraverso la Svizzera e il Lussemburgo, spinse il Vaticano quattro anni dopo a porvi fine acquistando l’intero London Building.

L’edificio era troppo caro, gli intermediari erano avidi e si alzavano enormi quantità di fumo. Con altri investimenti rischiosi, il danno al Vaticano ammonterà a diverse centinaia di milioni di euro, secondo la stampa italiana.

Riforma finanziaria

Nel novembre 2019, papa Francesco ha ammesso alla stampa che c’era uno “scandalo” di corruzione all’interno del Vaticano. “Abbiamo fatto cose impure”, ha lamentato il pontefice.

La Santa Sede ha affermato sabato che il processo edilizio di Londra era “direttamente correlato alle direttive e alle riforme di Sua Santità Papa Francesco per la trasparenza e la standardizzazione degli affari finanziari del Vaticano”.

READ  Secondo quanto riferito, Hitler "ha fatto molte cose buone", dice il nuovo libro

Il papa argentino è stato eletto nel 2013 per regolare le finanze del Vaticano, una riforma difficile che ha incontrato resistenze all’interno di alcuni dei “distretti” (ministeri) che gestiscono il denaro in modo molto indipendente e molto opaco.

Nel 2017, ha osservato che “riparare” la Curia Romana (il governo del Vaticano) equivale a “pulire la Sfinge egizia con uno spazzolino da denti”.

A tal fine, ha creato la Segreteria Generale per l’Economia nel 2014, ha ripulito la banca vaticana un tempo sulfurea, chiudendo 5.000 conti sospetti nel 2015, ha supervisionato le gare d’appalto per le sue spese interne e ha affidato la gestione del patrimonio dello Stato. La Santa Sede (Apsa) con la gestione dei bilanci di diversi dipartimenti del Vaticano.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *