Il Trinity College di Dublino affronta le richieste degli isolani di restituire i teschi di 400 anni rubati dagli “scienziati” | notizie dal mondo

Quando la coppia si è infiltrata nel fatiscente monastero di Jazira per rubare teschi umani sotto la copertura dell’oscurità, sapevano che quello che stavano facendo era sbagliato, anche per gli standard morali del 1890.

I ladri “sono andati a letto” al suono dei viaggiatori in avvicinamento.

“Quando la costa era sgombra”, scrisse in seguito Alfred Haddon, “abbiamo messo il nostro bottino nel sacco”.

Ma non erano ladri comuni, si consideravano uomini di scienza.

Haddon era un antropologo britannico e Fellow del Royal College of Science. Il suo partner nell’operazione di rimozione del cranio era lo studente di medicina irlandese Andrew Dixon.

La coppia ha contrabbandato i 13 teschi al largo di Inishbofin – un’isola battuta dall’Oceano Atlantico al largo della costa occidentale dell’Irlanda – e ha detto ai marinai che la loro borsa conteneva poetene, un distillato irlandese.

Gli uomini erano affiliati alla più antica e prestigiosa università d’Irlanda, il Trinity College di Dublino (TCD), ei resti finirono nelle collezioni dell’università.

“Vogliamo che riposino in pace”.

Centotrentadue anni dopo, i teschi sono ancora rinchiusi nel vecchio Trinity Anatomy Museum. Ora la gente dell’isola di Inishbofin è determinata a riaverli indietro.

“Vogliamo solo che tornino a casa”, dice Mary Quinn, storica di Inishbofin e membro attivo della campagna dell’isola per rimpatriare i resti.

“È qui che sono stati rubati”, ha detto a Sky News mentre si trovava al St Colman’s.

“È un crimine. Vogliamo che i resti della nostra gente tornino a Bovine e vogliamo seppellirli qui. Vogliamo che riposino in pace”.

immagine:
Abbazia di San Colman a Inishbofin. I teschi appaiono nell’angolo in basso a destra. Foto: Trinity College di Dublino
immagine:
L’abbazia di St. Colman oggi

TCD, che contiene 484 raccolte di resti umani raccolti da tutto il mondo durante l’era coloniale, non contesta che i teschi siano stati rimossi illegalmente da Inishbofin e ha istituito una task force per cercare di affrontare il “problema dell’eredità”.

READ  Per la prima volta in Israele: è stata infettata dal vaiolo delle scimmie

Questi lasciti includono anche l’ombra della schiavitù.

La biblioteca principale del TCD prende il nome dal famoso filosofo irlandese George Berkeley, che era un membro dell’università nel 1700 e successivamente si trasferì in America, e la città di Berkeley, in California, e la sua famosa università prendono il nome in suo onore.

Teschi di isolani misurati con un craniometro sull'isola di Inishbofin, 1893. Foto: Trinity College Dublin
immagine:
Cranio di un isolano misurato con un craniometro a Inishbofin nel 1893. Foto: Trinity College Dublin

Tuttavia, i registri mostrano che ha anche acquistato almeno quattro schiavi per lavorare nella sua piantagione nel Rhode Island negli anni ’30 del Settecento, e il nome della Biblioteca di Berkeley è rivendicato dagli attuali studenti del Trinity.

“Penso che Trinity come istituzione dovrebbe essere imbarazzata”, afferma Gabe Fullam, presidente dell’Unione degli studenti TCD. “Come studente e come qualcuno che frequenta questa libreria, lo trovo non solo imbarazzante, ma offensivo.”

“Ci occuperemo di questo.”

Il professor Eoin O’Sullivan è Senior Dean al TCD e guida il gruppo di lavoro che si occupa di questioni storiche.

Ha detto a Sky News: “Penso che rifletta una vecchia università, e che c’erano pratiche nell’università che non sostenevamo nella situazione attuale, ma che erano abbastanza spiegabili e comprensibili all’epoca.

“Penso che la cosa importante sia che Trinity stia dicendo ‘affronteremo questo problema a testa alta’”.

Berkeley Library al Trinity College di Dublino, dal nome del proprietario di schiavi George Berkeley
immagine:
Berkeley Library al Trinity College di Dublino, dal nome del proprietario di schiavi George Berkeley

TCD ha dichiarato in una dichiarazione che il suo consiglio ha deciso di “lavorare con la gente di Inishbofin e le autorità statutarie per trovare una soluzione che rispetti i desideri degli isolani”.

Le proposte del pubblico per un numero separato della Biblioteca di Berkeley vengono ancora accettate fino a gennaio.

READ  Tarn: Il ladro schizofrenico ha rubato il barattolo delle donazioni per aiutare i bambini malati

Altri problemi legati all’eredità

Fondato nel 1592 su carta reale della regina Elisabetta e una delle principali attrazioni turistiche di Dublino, il TCD non è affatto l’unica università o museo con problemi di eredità.

L’University College Cork ha annunciato a settembre piani per restituire antichi resti umani mummificati in Egitto. In Irlanda del Nord, l’Ulster Museum ha recentemente restituito resti umani e altri oggetti sacri alle Hawaii.

Nel Regno Unito, l’Università di Cambridge sta valutando la possibilità di restituire più di 100 bronzi beninesi rubati dalla Nigeria, mentre il British Museum è sotto costante pressione dalla Grecia per restituire i famosi marmi del Partenone.

Di ritorno a Inishbofin, il quadro internazionale più ampio sembra fuori luogo. Per gli isolani l’ingiustizia è in bianco e nero, così come la soluzione.

“I teschi sono stati rubati qui”, dice la signora Quinn, “e devono tornare qui. Devono tornare a casa”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.