Il traffico rimane basso ma si teme ancora una ripresa della pandemia

Durante il periodo (dal 28/11 al 11/12), i casi sono stati distribuiti in 8 comuni: Saint-Philippe, Saint-Pierre, Étang-Salé, Saint-Joseph, Saint-Denis, Saint-Marie, Saint-Paul e Ly . porta.

Stato epidemico nel 2022

Dopo quattro anni di epidemia di dengue in Reunion (dal 2018 al 2021) con un’intensa diffusione del virus, il 2022 è stato caratterizzato da una stabilizzazione della situazione epidemica.

La possibile immunità acquisita in alcuni quartieri, il controllo dei vettori e le misure igienico-sanitarie associate alle condizioni meteorologiche di inizio anno meno favorevoli allo sviluppo delle zanzare (cicloni e forti piogge hanno spazzato via le zone di riproduzione) hanno permesso di ridurre drasticamente la trasmissione del virus sull’isola .

Quest’anno sono stati confermati poco più di 1.200 casi di dengue, rispetto ai circa 30.000 casi del 2021. La circolazione del virus è rimasta a un livello moderato durante l’estate australiana e a un livello molto basso durante l’inverno (meno di 10 casi settimanali da metà luglio). .

Dei casi confermati, il 20% è relativo a forme secondarie (persone che hanno contratto la dengue una seconda volta).

Un leggero aumento del numero di casi sembra essere iniziato da metà novembre. Un trend che seguirà nelle prossime settimane con la stagione estiva in Australia e il ritorno di condizioni climatiche favorevoli allo sviluppo delle zanzare.

Basso impatto sulla salute dell’epidemia quest’anno:

  • Sono state registrate 195 visite al pronto soccorso correlate alla febbre dengue.
  • 61 ricoveri sono stati segnalati all’unità regionale della sanità pubblica in Francia,

di cui il 24% per il caso grave,

  • Sono stati segnalati due decessi classificati come direttamente correlati alla febbre dengue.
READ  Qual è la differenza tra artrite e osteoporosi?

La campagna mediatica continua

Dato il rischio che la pandemia riprenda quest’estate, l’ARS e la Prefettura hanno lanciato una campagna di comunicazione per educare Reunionese su quanto segue:

  • Continua la lotta contro la dengue e le zanzare:
  • Sbarazzarsi di tutto ciò che potrebbe avere acqua stagnante in casa (tazze, piccoli oggetti, grondaie, ecc.)
  • Proteggiti dalle punture di zanzara con repellenti per zanzare e zanzariere, soprattutto per neonati e persone costrette a letto, ma anche su porte e finestre.
  • Roo Barrow! : Un caloroso benvenuto alle squadre ARS, che escono nelle piazze e nei parchi per dare consigli pratici alla gente della Riunione.

nuovo:

Questa settimana, scopri il video della testimonianza di Coraline, una residente di St. Paul che ha portato Jean-Wilfried, agente di controllo dei vettori di ARS La Réunion, nella sua casa come parte delle sue missioni per combattere i vettori di zanzara per la dengue.

Coraline ha contratto la dengue nel 2021 ed è stata ricoverata a casa per 10 giorni con la febbre alta. Attraverso la sua testimonianza, ha chiesto ai reunionesi di eliminare le zanzare nelle loro case e di proteggersi in modo che non contraggano la malattia, che può essere grave. Spiega anche perché crede che sia importante “rouv baro” per gli addetti al controllo delle zanzare.

Jan-Wilfried spiega i compiti delle squadre di controllo dei vettori che si recano quotidianamente nei cortili e nei giardini privati ​​per accompagnarli e consigliarli sull’eliminazione dei siti di riproduzione (nidi di zanzara) e sui mezzi di protezione contro la febbre dengue.

Guarda ora il video sul sito di ARS.! clicca qui

Scarica tutti gli strumenti di comunicazione sul sito web di ARS La Réunion
(Poster, pubblicità radiofonica, video animato…):

READ  Come si trasmette e si diffonde la scienza? Rassegna Stampa Scientifica Novembre 2021

clicca qui

Raccomandazioni per proteggersi dalle punture di zanzara e dalla febbre dengue

  • Eliminare e svuotare l’acqua stagnante, che può fungere da terreno fertile per le zanzare: tazze, ciotole, grondaie, pneumatici, ecc.
  • proteggersi, anche nei 7 giorni successivi all’insorgenza dei sintomi per proteggere chi ci circonda (repellente per insetti, zanzariera, ecc.); E continua a proteggerti, anche se hai già avuto la dengue prima
  • Consultare un medico ai primi sintomi (febbre, mal di testa, dolori muscolari/articolari, nausea, vomito, ecc.)
  • Se sei malato di dengue:
  • Continua a proteggerti dalle punture di zanzara per evitare di trasmettere la malattia a chi ti circonda, e monitora il tuo stato di salute,
  • Consulta il tuo medico o il servizio di emergenza in sua assenza se le tue condizioni peggiorano.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.