Il sequestro di due aerei appartenenti all’oligarca russo Abramovich

Lunedì il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha ordinato il sequestro di due aerei appartenenti all’oligarca russo Roman Abramovich, affermando che erano stati utilizzati in violazione delle sanzioni imposte alla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina.

• Leggi anche: Ucraina: battaglia intensa a Severodonetsk

• Leggi anche: [EN DIRECT] Giorno 103 della guerra in Ucraina: ecco gli ultimi sviluppi

• Leggi anche: Londra rifornisce l’Ucraina di lanciarazzi

Il ministero ha spiegato in documenti legali che i due aerei, un Boeing 787-8 Dreamliner e un Gulfstream G650ER, hanno volato in territorio russo dopo l’introduzione delle normative statunitensi sulle esportazioni il 2 marzo.

Les deux avions, d’une valeur de plus de 400 millioni di dollari, sont d’origine américaine et leur propriétaire, le milliardaire Roman Abramovitch, les a fait voler en mars jusqu’en Russie sans avoiré de licenza selon spéportciale, Ministero.

I controlli del Ministero del Commercio sulle esportazioni e riesportazioni sono forti e devono essere rispettati. Privare la Russia dei mezzi per alimentare la sua guerra illegale è una componente importante della strategia statunitense, ha spiegato Andrew Adams, direttore del team KleptoCapture, che fa affidamento sul Dipartimento di Giustizia.

Il gruppo, che comprende decine di pubblici ministeri e investigatori di diversi circoli statunitensi, è responsabile di indagare sulle violazioni delle sanzioni imposte a Mosca dall’invasione dell’Ucraina e di organizzare la confisca di proprietà oligarchiche.

A breve termine, l’obiettivo [de cette équipe] È per dimostrare la rigorosa applicazione del regime delle sanzioni e per incoraggiare le persone vicine al Cremlino a prendere le distanze dallo stato russo che continua ad accelerare la guerra”, ha aggiunto Andrew Adams.

Il ministero della Giustizia non ha detto dove si trovano attualmente gli aerei. Secondo i media, il Boeing potrebbe essere a Dubai e Gulfstream in Russia.

READ  "Odore di polvere": la Corea del Nord avverte gli Usa

Prenderemo decisioni per effettuare i turni e verificheremo se sarà fatto [les avions] disse Adams.

Secondo l’ordine di messa a punto, entrambe le macchine sono di proprietà di Roman Abramovich attraverso una catena di società di facciata.

Il Dipartimento del Commercio ha anche emesso una lettera ufficiale in cui accusa il miliardario di aver violato intenzionalmente le normative statunitensi che impediscono l’esportazione di determinati beni e tecnologie in Russia.

Roman Abramovich rischia multe che potrebbero arrivare fino al doppio del valore delle transazioni di “esportazione”, secondo il ministero, suggerendo che potrebbe chiedere sanzioni maggiori del valore dei due aerei.

Boeing è considerato, secondo il ministero, “uno degli aerei privati ​​più costosi al mondo, con un valore di circa 350 milioni di dollari”. Il dipartimento ha aggiunto che Gulfstream è stata acquistata nel marzo 2020 per circa 60 milioni di dollari da una società identificata come di proprietà di Roman Abramovich.

L’ex proprietario del Chelsea Football Club non è stato incluso nell’elenco delle persone ed entità russe sanzionate dagli Stati Uniti. È d’altra parte nella lista nera dell’UE dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.