Il Sei Nazioni: la vittoria facile dell’Inghilterra non è sufficiente perché i generali di Eddie Jones sono sotto pressione per esibirsi

è essere

In 27 incontri in 30 anni, l’Inghilterra non ha mai perso un test match contro l’Italia, ospite sabato a Twickenham.

Quindi, nella mente dei fan e degli esperti di lingua inglese, l’incontro del Sei Nazioni con gli Azzurri – soprattutto a Twickenham – è un’occasione d’oro per un festival di Audition e New Faces. Un autunno rugbistico efficace ma inimmaginabile, seguito da una prestazione patetica nella sconfitta con la Scozia, ha rafforzato questa determinazione ad esplorare la profondità e l’ampiezza del pool di talenti in Inghilterra, i tredici club membri della Premier League.

Ma quelli di noi fuori dalla bolla, che possono accedere solo a un’angolazione del quadro attentamente curata, sono ancora più avventurosi e ambiziosi dei determinanti dei pochi d’oro che hanno un’opinione.

Lo ha dimostrato l’allenatore inglese Eddie Jones. Di solito gli piace usare l’Italia per sperimentare un po ‘; In effetti, ha fatto il suo debutto quando l’Inghilterra li ha incontrati in ottobre. I punti tendono a diminuire, anche se spesso dopo un’apertura seria della partita.

La vittoria dell’Inghilterra l’anno scorso ha visto un vantaggio di 10-5 nel primo tempo, prima di vincere 34-5. Per inciso, 34 punti sono il punteggio più basso che l’Inghilterra abbia segnato in uno dei suoi sei incontri con l’Italia sotto Jones.

Relazionato

Questa volta, Jones è andato ai suoi veri sforzi. Brutalmente abbandonato Olly Lawrence, dopo 10 tocchi in tre partenze, è andato per un ordine consolidato ed esperto in ultima fila con una media di 65 presenze.

In prima linea, Jimmy George è l’unica vittima in prima linea del “cambio di regime”, nelle parole di Jones, con Luke Kwan Dicky.

READ  Stephen Colbert rages on Republicans calling for "unity" after the Capitol riot

Più tempo di gioco per Lawrence e Max Malins in ultima fila, o Ben Earl e Jack Willis in ultima fila (gli ultimi tre sono in panchina almeno), o anche il debutto di Harry Randall e Paolo Odojo dovrà aspettare.

Con la parte più difficile della campagna inglese che deve ancora venire – partite all’estero a Cardiff e Dublino, e una visita a Twickenham dalla Francia – è improbabile che tali opportunità si presentino in questo campionato. Sarebbe un peccato e un’occasione persa.

Con le spalle al muro, Jones ha raccolto un bel mucchio di blues, incluso il ritorno di Kyle Sinkler – con un posto sei a due – per portare l’Inghilterra “in vantaggio”, parole che ha usato più volte giovedì, e Raw Italy.

Cowan Dicky e Johnny Hill riportano le abilità di battuta di Exeter e Courtney Laws all’ala per dare più peso. Il ritorno dei due puntelli dinamici aiuterà sicuramente. Owen Farrell ha detto che l’Inghilterra non si è voltata, mentre Jones ha detto che gli incontri di questa settimana sono stati brevi e ha descritto la loro tattica come: “Prendere il comando. Vogliamo tornare alla buona partita di rugby. Prendi il piede d’attacco. È più o meno quello.”

L’Inghilterra vincerà, ma contro l’Italia ci aspettiamo più di una semplice vittoria. Dovrebbero vincere bene, con un punto in più, soprattutto per completare il conteggio dei punti che sarebbe decisivo alla fine di questo torneo.

Jones ha trascorso l’autunno dicendo che il risultato finale dello sport professionistico è il risultato. Vero, ma gli irrequieti fan inglesi vogliono vederla di più. Una semplice vittoria in questo gioco non dimostra necessariamente che l’Inghilterra sia sulla strada giusta.

READ  Niels svela l'album Blue Echoes

Jones è rimasto fedele alle sue esperienze, permettendo ai suoi migliori giocatori di farsi strada verso la forma. Ma così facendo, sono stati giudicati in quella partita, da Elliot Daly fallito a Billy Funibola, che era stato pigro la scorsa settimana, a Farrell e Ben Youngs.

L’Inghilterra sta ancora aspettando, ma questa sensazione è diventata più acuta questa settimana.

La copertura per il rugby viene fornita in collaborazione con QBE, che aiuta le aziende a creare resilienza attraverso la gestione del rischio e l’assicurazione. Per ulteriori informazioni, visitare QBEEUROPE.com

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *