Il referendum in Scozia: il Quebec è imminente legalmente, ma non politicamente

La battaglia che gli scozzesi hanno combattuto per un referendum sull’indipendenza del Paese ricorda la battaglia combattuta dal Quebec quasi 30 anni fa, che quindi ha il vantaggio legale della sovranità, ma non politicamente.

• Leggi anche: Un giorno dovremo riaprire la Costituzione

• Leggi anche: Elezioni e.. un referendum in stile catalano in Quebec!

Nonostante il fallimento del referendum del 2014 – con un “no” che ha ottenuto il 55,3% dei voti – il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon, che è anche capo del Partito dell’Indipendenza del Paese, non ha detto la sua ultima parola.

Di fronte al rifiuto del governo britannico di fare un’eccezione per consentire alla Scozia di approvare una legislazione per indire un referendum, come è avvenuto nel 2014, ha deciso di prendere l’iniziativa.

ha spiegato Marc Chevrier, professore di scienze politiche all’UQAM specializzato nel sistema politico di Gran Bretagna e Canada.

Per far valere questo diritto, gli scozzesi chiesero all’Alta Corte britannica che un referendum consultivo potesse essere organizzato senza il consenso di Londra, e quindi non avrebbe effetti immediati sul Regno Unito.

Sturgeon può contare soprattutto su una forte ondata di indipendenza nel suo paese, alimentata dalla Brexit nel 2016, perché la maggior parte degli scozzesi era contraria alla Brexit.

“Il movimento per l’indipendenza non è crollato, al contrario, si è consolidato”, ha detto Chevrier.

I separatisti sono più presenti di quanto non lo fossero in Quebec

Secondo lo specialista, il caso potrebbe avere il carattere del rinvio fatto dalla Corte Suprema nel 1998 in merito alla secessione del Quebec, e quindi il riconoscimento della legittimità del referendum come mezzo per avviare la secessione di uno stato territoriale.

READ  Il Kosovo vieta di tenere un referendum sulla giustizia serba sul suo territorio

“Il Quebec sta procedendo legalmente, ma politicamente ha perso due referendum, motivo per cui il movimento per la sovranità è debole in questo momento. C’è stata una smobilitazione abbastanza radicale”, ma il professore è stato attento.

“La Scozia ha tenuto un referendum e in questo senso i separatisti sperano di riuscire nel secondo tentativo”, ha detto.

I giudici della Corte Suprema del Regno Unito dovrebbero pronunciarsi sul caso entro sei-otto settimane. In caso di sconfitta, il Presidente del Consiglio ha già indicato che utilizzerà le elezioni legislative del 2024 come referendum “de facto”.

Hai informazioni da condividere con noi su questa storia?

Hai uno scoop che potrebbe interessare i nostri lettori?

Scrivici a o chiamaci direttamente a 1 800-63 PALETTA.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.