Il primo scontro a fuoco tra Israele e Hamas dalla tregua a Gaza

Gaza | Fuoco controllato o nuova escalation in formazione? L’aviazione israeliana ha preso di mira, mercoledì, le posizioni di Hamas nella Striscia di Gaza dopo aver lanciato palloni incendiari verso Israele, nel primo importante incidente tra i due campi dalla fine della guerra lampo tra di loro a maggio.

Gli attacchi aerei sono i primi dello stato ebraico da quando domenica si è insediato un nuovo governo guidato dall’ex ministro della Difesa Naftali Bennett, ponendo fine a più di 12 anni di governo in corso di Benjamin Netanyahu.

Fonti palestinesi hanno riferito che l’aviazione israeliana ha preso di mira almeno un sito a est di Khan Yunis nel sud della Striscia di Gaza, una povera enclave abitata da due milioni di persone, in cui circa un migliaio di appartamenti, uffici e negozi sono stati distrutti nella recente guerra con Israele , il quarto dal 2008.

Un fotografo dell’AFP sul sito ha assistito alle esplosioni, mentre l’esercito israeliano ha confermato in una dichiarazione che i suoi “aerei da combattimento” hanno bombardato i siti palestinesi di Hamas “in risposta al lancio di palloni incendiari martedì che ha causato venti incendi in Israele”.

Secondo l’esercito, i siti presi di mira miravano specificamente a “incontri” del movimento armato palestinese.

Questo scontro a fuoco è il primo grave incidente tra Israele e Gaza da quando il cessate il fuoco del 21 maggio ha concluso 11 giorni di una nuova guerra in cui 260 palestinesi sono stati uccisi nei raid israeliani nella Striscia di Gaza. Autorità locali. E in Israele, secondo la polizia e l’esercito, il lancio di razzi da Gaza ha ucciso 13 persone, incluso un soldato.

READ  The new year brings the final split of Brexit between the UK and the European Union

Da allora, le tensioni tra israeliani e palestinesi sono rimaste alte.

Mercoledì, il Ministero della Salute nella Cisgiordania occupata ha riferito dell’uccisione di una donna palestinese da parte dei proiettili dell’esercito israeliano, che a sua volta ha affermato di aver sventato un attacco.

Gerusalemme

Martedì una controversa manifestazione organizzata dai nazionalisti israeliani e dagli attivisti di estrema destra a Gerusalemme Est occupata, ha sollevato timori di una ripresa delle ostilità tra Hamas e Israele.

Hamas, che nelle ultime settimane ha fatto della “difesa” Gerusalemme un hobby, ha minacciato Israele di ritorsioni se questa marcia si fosse avventurata nei quartieri musulmani della Città Vecchia.

Sotto stretta sorveglianza della polizia, più di mille persone hanno marciato attraverso Gerusalemme Est, il settore palestinese occupato della città santa, ma senza provocare scontri spaventosi.

“Il popolo immortale non ha molta paura”, cantavano i manifestanti e sventolavano bandiere israeliane bianche e blu. Il team dell’AFP ha immediatamente affermato che grida di “Morte agli arabi (palestinesi)” hanno attraversato la folla.

Gli Stati Uniti e le Nazioni Unite avevano chiesto “moderazione” prima della “marcia delle bandiere” che il nuovo governo israeliano ha consentito mentre determinava il suo corso per evitare scontri con i palestinesi.

“Conseguenze serie”

L’ultima tornata di scontri tra Israele e Hamas è iniziata il 10 maggio, giorno inizialmente previsto per questa marcia e dopo i violenti scontri tra manifestanti palestinesi e polizia israeliana.

In nome della solidarietà con le centinaia di palestinesi feriti negli scontri, Hamas ha lanciato una raffica di razzi sulle principali città di Israele che ha risposto con attacchi violenti, in preparazione della guerra di 11 giorni che si è conclusa. vicino Egitto.

READ  Una detenuta iraniano-britannica in Iran: Londra chiede alla famiglia di tacere, secondo il marito

Secondo Hamas, i mediatori che lavorano per un cessate il fuoco permanente con Israele hanno invitato le fazioni palestinesi “a non impegnarsi in un’escalation militare basata sulla marcia delle bandiere” a Gerusalemme est per evitare ciò. E l’ostacolo ai colloqui volti a consolidare il cessate il fuoco è deragliato.

Dopo la guerra tra Hamas e Israele, i movimenti di estrema destra israeliani sono tornati in carica per organizzare finalmente la marcia.

Questo nonostante le richieste di abolizione da parte dei parlamentari arabi israeliani e il primo ministro palestinese Muhammad Shtayyeh ha avvertito di “pericolose ripercussioni”.

Guarda anche…

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *