Il primo film è uno dei migliori nel suo genere, ma il secondo è andato terribilmente storto

Il primo film è uno dei migliori nel suo genere, ma il secondo è andato terribilmente storto

Agenzia di stampa francese

Nell’entroterra di Nizza, i villaggi sono stati preservati ma sono fuggiti in malo modo per paura

“Vogliamo solo stare zitti”: a Laskarin, Blaussask o Pere-les-Alpes, tre villaggi abbastanza tranquilli nell’entroterra di Nizza, la paura del mondo esterno alimentata dai media e dai social network rafforza i risultati dell’estrema destra . Nell’ex “Valle Rossa di Bayonne”, a lungo roccaforte della sinistra, a nord-est di Nizza, il Fronte Nazionale vince ora le elezioni nazionali. Al secondo turno del 2022, la percentuale di Marine Le Pen ha superato il 70% nelle elezioni presidenziali, mentre Alexandra Masson, rappresentante uscente del partito Fronte Nazionale, si è avvicinata alle elezioni legislative “La maggior parte delle elezioni successive non hanno tenuto conto la frustrazione delle persone e il loro desiderio di farlo”. Protesta (…hanno paura di essere dimenticati), spiega Jean-Claude Valory, 59 anni, geometra e vicesindaco (senza nome) della città di Laskarin dal 2008. Anche se questi tre villaggi sono un po’ isolati e antichi, Tutti e tre rimangono dinamici, con un ambiente di vita o prezzi immobiliari che attirano giovani lavoratori. Le scuole sono nuove e piene, i negozi locali rimangono aperti e la città di Laskarin (2.600 abitanti) ha appena aperto un centro medico e mantiene anche un ufficio postale. come stazione ferroviaria, anche se la linea chiuderà presto per un po’. 18 mesi di lavoro Il villaggio è leggermente interrato e rimane il peggiore dei tre Sulla collina, Blaoussac (1.600 abitanti) può contare sulle entrate le cave gestite dal Vicat Cement Group (1.200 abitanti). Si trova su una collina e attira i turisti con le sue strade ripide Il declino e i suoi paesaggi lussuosi: qui la vita è tranquilla “No alla precarietà, no all’immigrazione”, dicono i residenti. Ripeto, un uomo sospettato di rapina è morto due anni fa dopo essere stato picchiato dai residenti di Iskaren, e un insegnante rumeno di tantra yoga, sospettato del delitto, ha creato uno dei suoi santuari sulle pendici di Berry-les-. Alpi, ma i residenti sono particolarmente preoccupati che la televisione o i social network trasmettano loro notizie nazionali. Adesso devo controllare tutto la sera!”, dice Jean-Marie Sigot, pensionato di 83 anni, durante una partita di bingo al Club Anziani di Plouzac, riferendosi agli attentati avvenuti nel lontano novembre nella Drôme. o più recentemente a Courbevoie, nella regione parigina, in questo ricco villaggio dove un guadagno di Vicat ha permesso la costruzione di una scintillante infrastruttura – di un campo di calcio che porta il nome di Joseph Merceron Vicat, nonostante il passato di collaboratore del patriarca –, un La guardia giurata si annoia ogni giorno all’entrata e all’uscita della scuola. “Qui nel villaggio non abbiamo problemi, siamo protetti”, dice un autista di autobus quarantenne a Monaco A livello nazionale “avevamo la sinistra, la destra e il centro. Quindi, se proviamo con l’estrema destra, forse le cose cambieranno”. Esme, ma molti altri non esitano, come Kathy Devillers, 43 anni, naturopata e psicoterapeuta a Eskaren: “Qui siamo tranquilli e io non sono affatto razzista. “Voglio solo proteggere i nostri valori, il nostro Paese e i nostri figli”. “L’hijab è halal e sono stufo”, dice Lewis, un ex muratore di 72 anni. “Sono stato comunista per tutta la vita, ma da 20 anni ne ho abbastanza. Quando andiamo a fare la spesa (nei supermercati della periferia di Nizza), vediamo solo donne velate”. Donne”, dice, “ho lavorato con arabi, albanesi, italiani… Erano brave persone, ma oggi non è più così”, afferma Stefani, senza sostenere le sue accuse. “Non tutte le persone che votano per la Nazionale I fronti sono fascisti.”54 “Non vogliamo particolarmente avere una dittatura (…). Vogliamo solo essere pacifici”. Ma non tutti votano per l’estrema destra. Come altrove, alcuni non votano affatto. “Sono marionette”, si arrabbia un cliente del bar dell’Escarène. ” Io no “mi interessa”. “La politica non è il mio genere”, dice un abitante di Père-les-Alpes. Altri si disperano per i loro vicini: “È divertente, ci salutiamo, ci salutiamo, ci conosciamo i figli degli altri”. “Guardate i risultati elettorali e dite a noi stessi +Oh, fa male+”, testimonia Letizia Icardi, 49 anni, che accompagna gli studenti con disabilità a L’Escarène. L’ex socialista Sigut capisce: “Il Fronte Nazionale è cambiato. Jean-Marie Le Pen, all’inizio, mi ha spaventato (…). Lì abbiamo delle persone con cui possiamo discutere in seguito, non so cosa faranno, spero che funzioni.”fcc/iw/ol/or/er.

READ  Fabrice Amedeo, uno skipper al servizio della scienza

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *