Il Premio Nobel per la Chimica 2022 premia una tripla per una scienza semplice ed efficace – rts.ch

Dopo la fisica, mercoledì il Premio Nobel per la Chimica 2022 è stato assegnato a un nuovo trio. Il danese Morten Meldahl e l’americano Barry Sharpless sono stati premiati per il loro sviluppo della “chimica del clic”, mentre l’americana Caroline Bertozzi è stata premiata per l’invenzione della “biochimica ortogonale”.

Barry Sharpless e Morten Milldahl sono stati elogiati per il loro lavoro pionieristico in “Click Chemistry”, una nuova forma di combinazione di molecole. Questo viene utilizzato in particolare per sviluppare trattamenti farmaceutici, mappare il DNA o creare nuovi materiali.

L’accademia ha spiegato in un comunicato stampa che i due scienziati “hanno portato la chimica nell’era della funzionalità gettando le basi per il clic della chimica”, una nuova forma di combinazione di molecole che ha portato all'”effetto valanga” del campo. “Il premio di quest’anno riguarda cose che non sono eccessivamente complesse e ciò enfatizza ciò che è chiaro e semplice”, ha affermato un membro del panel.

“Le molecole efficaci possono essere costruite seguendo un percorso chiaro”, ha detto.

estremamente raro da raddoppiare

E così il ricercatore americano con sede in California ha vinto il suo secondo premio Nobel per la chimica all’età di 81 anni, un’impresa estremamente rara. L’anno 2001 è stato segnato dalle sue scoperte nella tecnologia della catalisi asimmetrica. È solo la quinta persona a vincere due volte il Premio Nobel.

La franco-polacca Marie Curie è stata la prima all’inizio del XX secolo (Fisica 1903, Chimica 1911), seguita dall’americano Linus Pauling (Chimica 1954 e Pace 1962), dall’americano John Bardeen (Fisica 1956 e 1972) e dal britannico Frederick Sanger (Chimica 1958 e 1980).

Promettente azione contro il cancro

Citata tra le preferite di quest’anno, Caroline Bertozzi è stata incoronata per aver mappato le cellule e inventato la “chimica ortogonale”, reazioni basate su tecniche di “clic” che possono essere avviate in un organismo senza disturbarne o alterarne la natura chimica. Le sue scoperte hanno notevolmente aperto strade per migliorare l’efficacia dei trattamenti contro il cancro.

È diventata l’ottava donna a vincere il Premio di Chimica dopo il francese Emmanuel Charpentier e l’americana Jennifer Doudna (2020).

In una dichiarazione al pubblico (in inglese), l’Accademia elabora le scoperte dei tre scienziati e saluta il loro lavoro “elegante, intelligente, innovativo e utile” che “avvantaggia l’umanità”.

ATS / LAVORO

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.