Il nuovo film d’animazione “Proibito per cani e italiani” diretto da Alain Augetto

“Vietato ai cani e agli italiani”, ha definito Alain Augetto il nuovo film d’animazione. Questa nuova creazione, prodotta interamente in pausa, rivive la storia dell’esilio dei suoi nonni italiani che vennero a vivere e lavorare in Francia. Incontra il regista che vive a Bouches-du-Rhône.

Nel 1984, Alain René César lo ha premiato per il miglior cortometraggio d’animazione per “la palla”. quest’annoE Alan Augito Ritorna con la sua nuova creazione,No cani e italiani.. In questo lungometraggio, interamente realizzato in cinema (muppetry), il regista specializzato in animazione racconta la storia della sua famiglia.

Voleva tornare alle sue radici, per scoprire vite passate. Sotto il suo nome Ogito, Alan trova una storia, la storia dei suoi antenati e bisnonni italiani.

Luigi e Cesera, due umili contadini alpini, affrontano i rigori del lavoro, la mancanza di denaro e il cibo razionato. Desideroso di offrire alla sua famiglia una vita migliore, la miseria e l’ascesa del fascismo spingono Luigi a lasciare il Piemonte per la Francia.

Gli appezzamenti di terreno erano molto piccoli e poco produttivi. la miseria era. La polenta la mangiavano tutti i giorni, mia nonna metteva il latte nella sua polenta, e mio nonno faceva mangiare i figli con la forchetta perché non avessero troppo latte. Così parlavano della miseria con orgoglio e dignità”. dice Alain Augetto.

Soprattutto, non volevo essere fastidioso. Durante le riprese, ho continuato a ripetermi: “Soprattutto, non essere così arrogante!”. Il mio punto di riferimento era “Awful, Dirty and Wicked” di Ettore Escola, film in cui l’orribile accade ma viene raccontato con buon umore. Quindi mi sono assicurato di raccontare questa storia sottolineando il fatto che sono rimasti in piedi, orgogliosi e dignitosi. Questa è vita! Prendi i colpi che dai ma questa è la vita!Il direttore dell’animazione sorride.

READ  Questi sono gli italiani che hanno contraddistinto il Novecento

Gli furono necessari nove anni di ricerche e ricerche per ricostruire diligentemente il passato dei suoi avi, le cause di questo esilio e, attraverso di esse, le migliaia di immigrati italiani.

È un’indagine storica sulla tradizione orale. Volevo concentrarmi sull’orale. Da dove vengono e perché se ne sono andati? E soprattutto, perché non sono tornati? Questo è quello che stavo cercando di scoprire. Lavorando sulla memoria orale, ho ricostruito il loro viaggio in Francia. Questa memoria orale, l’ho trovata in Italia grazie a un sociologo che ha registrato testimonianze di contadini e contadine, dell’età di mio nonno e mia nonna, che vivevano nel loro stesso villaggio. Ha parlato di miseria, guerra e condizioni. fascismospiega Alain Augetto.

Alain Augetto ha ereditato dal padre e dal nonno uno spiccato gusto per il fai da te, che trasferisce al cinema attraverso l’animazione, un modo per esplorare l’intimità.

Mio nonno costruiva i suoi attrezzi, pale e rastrelli. Questa conoscenza passò nelle mani di mio padre; Era un virtuoso virtuoso, sapeva fare tutto. Per me, ho scritto una storia per autore Centinaia di piccole mani che sono venute ad animare, illuminare, finanziare… per dare vita a una storia ; Tutte queste piccole mani mi hanno permesso di raccontare la storia della migrazione di una famigliaEsci Dettagli.

già incoronato con molti premi, No cani e italiani lo scorso dicembre Premio per il miglior film d’animazione europeoagli European Film Awards (EFA).

in Francia, No cani e italiani Al cinema dal 25 gennaio 2023.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *