Il ministro degli Esteri saudita smentisce una “crisi” diplomatica con il Libano

Il ministro degli Esteri saudita Faisal bin Farhan Al Saud arriva alla riunione dei ministri degli esteri e dello sviluppo del G20 a Matera, 29 giugno 2021.

Alberto Pezzoli | AFP | Getty Images

Il ministro degli Esteri saudita ha negato che il regno stesse attraversando una crisi diplomatica con il Libano, ma ha affermato che il suo Paese considera improduttivo o vantaggioso qualsiasi impegno in corso con Beirut.

Le dichiarazioni arrivano dopo che l’Arabia Saudita ha ordinato all’ambasciatore libanese di lasciare il regno dopo quelle che ha visto come dichiarazioni “offensive” di un ministro libanese.

“Non credo che la definirei una crisi”, ha detto sabato il principe Faisal bin Farhan Al Saud a Hadley Gamble della CNBC a Roma, in Italia, ma ha detto che i commenti del ministro libanese – che indicano il ruolo dell’Arabia Saudita nel conflitto in corso . calamità. La guerra civile in Yemen ha dimostrato che il gruppo armato sostenuto dall’Iran Hezbollah era sempre più dominante nella politica libanese.

“Penso che siamo giunti alla conclusione che trattare con il Libano e il suo attuale governo non è né fruttuoso né utile con il continuo controllo di Hezbollah sull’arena politica e con quella che consideriamo una continua riluttanza di questo governo e dei leader politici libanesi in generale Adottare le riforme necessarie e le misure necessarie per spingere il Libano si sta avviando verso un vero cambiamento.

“Abbiamo deciso che penso che la partecipazione a questo punto non sia né produttiva né vantaggiosa. Non è davvero nel nostro interesse”.

Queste dichiarazioni sono state rilasciate dal ministro libanese dell’Informazione, George Kordahi In un’intervista, ha fatto riferimento all’intervento militare a guida saudita nello Yemen e ha descritto la guerra come “inutile”. Sembrava anche implicare che l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti fossero aggressivi nel conflitto.

READ  Premier League: il Leeds vuole copiare il gruppo della City Football League

La guerra civile in corso nello Yemen, che dura da sette anni, ha visto le forze a guida saudita (che sostengono il governo yemenita) combattere i ribelli Houthi sostenuti dall’Iran per il controllo del paese.

In risposta alle dichiarazioni, l’Arabia Saudita ha ordinato all’ambasciatore libanese di partire entro 48 ore venerdì e ha convocato il suo ambasciatore libanese. Anche Bahrain, Kuwait ed Emirati Arabi Uniti hanno compiuto passi simili in solidarietà con l’Arabia Saudita.

Il governo libanese ha cercato di calmare la crisi diplomatica, affermando che le dichiarazioni di Qardahi (che aveva fatto prima di diventare ministro) non rispecchiavano la sua posizione. C’è stata una crescente pressione sul ministro per le dimissioni. Da parte sua, Kardahi ha affermato di non voler offendere l’Arabia Saudita o gli Emirati Arabi Uniti.

Il principe Faisal ha detto alla CNBC che le dichiarazioni del ministro libanese sono “un segno della realtà che la scena politica in Libano è ancora dominata da Hezbollah, un gruppo terroristico che, tra l’altro, fornisce armi e armi. Questa è la milizia Houthi”.

Pertanto, per noi, è più ampio di un semplice commento di un ministro, è un’indicazione del Paese in cui si trova il Libano. “

Crisi economica

L’attuale crisi economica in Libano è tra le peggiori della storia moderna, secondo la Banca Mondiale. Il suo governo non è riuscito per anni ad adottare riforme politiche ed economiche per gestire i suoi crediti inesigibili, ripulire il suo settore bancario e affrontare la corruzione perpetuata dalle élite politiche.

Il Libano ospita 18 diverse sette religiose. Per questo motivo, il suo governo consociativo unico e ampiamente criticato si basa su una struttura di condivisione del potere in cui il primo ministro, il presidente e il presidente del parlamento devono provenire dai tre maggiori gruppi religiosi del Paese: sunniti, maroniti e sciiti.

Questa formazione, secondo i cittadini libanesi e gli esperti regionali, spesso facilita e incoraggia la corruzione, la concussione e l’ingerenza delle potenze straniere attraverso questi vari gruppi settari.

Iran

La guerra in Yemen è spesso vista come un conflitto per procura tra Arabia Saudita e Iran, due nemici giurati in Medio Oriente.

Le forze islamiche sunnite e sciite hanno sostenuto per anni le parti in conflitto nelle controversie regionali e nelle differenze politiche in Siria, Libano e altrove. Hanno tagliato i rapporti diplomatici nel 2016.

Ma l’Arabia Saudita e l’Iran hanno avviato colloqui ad aprile per cercare di risolvere problemi di vecchia data.

Riyadh ha confermato all’inizio di questo mese di aver tenuto colloqui diretti con il nuovo governo iraniano a settembre, poco dopo l’elezione del religioso estremista e anti-occidentale Ebrahim Raisi.

Da allora il principe Faisal ha affermato che i colloqui tra Riyadh e Teheran sono stati “amichevoli”. Secondo il Financial TimesHa descritto i negoziati come “esplorativi”.

Parlando con la CNBC sabato, il principe Faisal ha confermato che i colloqui continuano, ma finora non sono stati fatti progressi tangibili.

“Noi nel regno siamo intenti a trovare un modo per concludere accordi con l’Iran che affrontino l’instabilità della sicurezza regionale in modo che possiamo concentrarci tutti sulla costruzione di un futuro prospero per il nostro popolo. Finora, questi colloqui sono stati di natura esplorativa. Abbiamo avuto quattro round [of discussions] Anche qui. Possiamo fare un altro giro. Ci stiamo lavorando. Non abbiamo fatto progressi decisivi. Ma direi che è stato abbastanza positivo da consentire ulteriori discussioni in seguito, ma finora nulla di concreto.

I suoi commenti a Roma sono l’ultimo segnale che il gelido rapporto tra i due rivali regionali potrebbe iniziare a sciogliersi. Il ministro degli Esteri iraniano, Hossein Amir Rabdalahian, ha dichiarato in una conferenza stampa del 7 ottobre che i colloqui su come migliorare le relazioni diplomatiche sono arrivati ​​a “buona distanza”. E la scorsa settimana Iran Ripresa delle esportazioni in Arabia Saudita Per la prima volta da quando gli oppositori hanno interrotto il commercio bilaterale lo scorso anno.

La scorsa settimana è stato annunciato che le potenze mondiali avrebbero ripreso i colloqui con l’Iran nel tentativo di rilanciare l’accordo nucleare del 2015 che ha revocato le sanzioni contro la Repubblica islamica in cambio di restrizioni sul suo programma nucleare.

Il principe Faisal dell’Arabia Saudita riflette le preoccupazioni dei paesi occidentali che l’Iran debba rispettare i suoi impegni nel Piano d’azione globale congiunto (o JCPOA, in sostanza, l’accordo nucleare del 2015) per quanto riguarda la limitazione delle attività nucleari del paese e l’autorizzazione delle ispezioni delle sue attività. dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

“Per noi è imperativo affrontare la continuazione delle attività nucleari in Iran e vedere l’Iran continuare a rispettare i suoi impegni, non solo con il Piano d’azione globale congiunto, ma anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari. . [a treaty aimed at limiting the spread of nuclear weapons]. Penso che sia necessario affrontare anche la questione del mancato accesso all’AIEA. Queste sono minacce reali alla sicurezza e alla stabilità regionali.

Il principe Faisal ha parlato a margine del vertice del G20 a Roma. L’incontro di due giorni del fine settimana vede i leader politici delle 20 maggiori economie del mondo tenere il loro primo incontro faccia a faccia in due anni.

Natasha Turak della CNBC ha contribuito a questo articolo.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *