Italia: Juve cade ancora, Atalanta e Lazio schiena contro schiena

>> Italia: il Napoli domina 3-0 il Bologna e resta in vantaggio
>> Italia: Ripartono Inter, Lazio e Roma, Juve ferma
>> Italia: il Napoli è pieno, il Milan domina l’Atalanta

La gioia dell’attaccante argentino dell’Hellas Verone Giovanni Simeone, dopo il gol casalingo contro la Juventus Torino, nell’11e Giornata di Serie A, 30 ottobre. Foto: AFP / VNA / CVN

Nella giornata di oggi l’Atalanta ha pareggiato contro la Lazio (2-2).

In classifica, la Juventus già caduta mercoledì 27 ottobre contro il Sassuolo (2-1), viene scavalcata dall’Hellas Verona, che ha altrettanti punti (15) ma una differenza reti favorevole. Si tuffa soprattutto nel dubbio prima di ricevere lo Zenith San Pietroburgo in Champions League martedì 2 novembre.

Il pareggio (2-2) tra Atalanta e Lazio dal canto suo non fa l’affare delle due squadre che avrebbero potuto avvicinarsi al podio in caso di vittoria. Potrebbe essere favorevole alla terza Inter che domenica potrà decollare in caso di vittoria sull’Udinese.

Il Torino trionfa facilmente sulla Sampdoria Genoa 3-0 e torna all’11e quadrato. Domenica 31 ottobre il Napoli capolista e il Milan secondo classificato, rispettivamente sui prati della Salernitana e dell’AS Roma, proveranno a proseguire la corsa in testa.

E il carnefice dei bianconeri si chiama Giovanni Simeone. L’attaccante argentino, simbolo dell’efficienza veronese nel primo tempo, si è offerto una doppietta in tre minuti.

All’11e, il figlio di Diego Simeone ha approfittato di un tiro di Barak respinto da Szczesny per aprire le marcature. Questo poco prima di fare il break su un superbo tiro a spirale fuori dalla sua area, e mentre lui non era assolutamente minacciato dalla difesa avversaria.

READ  grandi navi da crociera bandite dal centro di Venezia ad agosto

De Roon salva l’Atalanta

Senza essere sgargianti, i torinesi sarebbero potuti rientrare prima della partita, ma Paulo Dybala non ha avuto successo, come questo tiro respinto dalla traversa poco prima dell’intervallo.

La gioia dei giocatori dell’Atalanta Bergamo, dopo la vittoria (1-0) in casa contro il club svizzero Young Boys, nella gara del girone di Champions League del 29 settembre. Foto: AFP / VNA / CVN

Entrando nel segno dell’ora, l’americano Weston McKennie ha ridato speranza alla sua famiglia con un potente colpo (80e). Ma gli ultimi assalti della Juve non hanno fruttato nulla.

“Dobbiamo accettare la realtà e il fatto che attualmente siamo una squadra di centrocampo” si è lamentato Allegri su DAZN dopo l’incontro, ricordando comunque che i torinesi non dovrebbero “essere dispiaciuti per il nostro destino”.

Potrebbero aver perso una Marten de Roon. In ogni caso l’attaccante olandese ha permesso all’Atalanta di strappare il 2-2 contro la Lazio Roma (94e) in apertura dell’11e giorno.

Con un buon recupero dalla sinistra ha offerto un punto meritato ai bergamaschi, mentre la Lazio pensava di aver fatto la parte più difficile. Pedro ha aperto il marchio (18e) riprendendo un tiro di Ciro Immobile respinto dal portiere, prima che il nazionale italiano restituisse il vantaggio alla sua squadra a un quarto d’ora dal termine (44e).

Questo risultato non piace a nessuno in classifica. Ma permette all’Atalanta di essere rassicurata prima di accogliere il Manchester United martedì 26 ottobre in Champions League. Lazio, che non vince in trasferta dal 1Rif giornata di campionato, si trasferisce sul prato dell’Olympique de Marseille in Europa League giovedì 28 ottobre.

READ  Toro, Cairo non scarica Giampaolo. Il tecnico: "Non possiamo più sbagliare"

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *