Il film femminista diventato un fenomeno sociale in Italia

Il film femminista diventato un fenomeno sociale in Italia

Fenomeno da 5 milioni di visualizzazioni in Italia, l'opera prima diretta da Paola Cortellisi è imperfetta ma coinvolgente. Roma, fine anni Quaranta, Delia si destreggia tra tre lavori: un marito violento e un suocero tirannico, due figli che seguono le orme paterne e un'adolescente dal destino incerto. In bianco e nero, intriso di canzoni italiane e ricco di riferimenti al neorealismo (Visconti, De Sica, Scola) ma liberato da esso grazie agli anacronismi, questo film sulla posizione delle donne non è privo di influenze. Ma la sua fiducia nel cinema, il suo stile (la sequenza di inquadrature tra la danza della morte e la scena dell'orrore) e il genuino entusiasmo ci attraggono. Giocando su un barlume di speranza tangibile, nel tunnel del patriarcato, Cortellesi, che non si lascia ingannare da nulla, osa tutto e centra il bersaglio.

La visualizzazione di questo video potrebbe comportare l'inserimento di cookie da parte dell'operatore della piattaforma video a cui verrai indirizzato. A causa del tuo rifiuto di depositare i cookie e per rispettare la tua scelta, abbiamo bloccato la riproduzione di questo video. Se desideri continuare e guardare il video, devi darci il tuo consenso cliccando il pulsante qui sotto.

READ  Questi profughi ucraini sono stati cantati da 200 scolari italiani

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *