Il fante italiano Alex Schweizer sogna ancora i Giochi Olimpici

La fanteria italiana Alex Schweizer, che è stato assolto dalla giustizia italiana giovedì dopo il controllo antidoping positivo nel 2016 dal suo divieto di otto anni da parte delle autorità sportive, sta ancora sognando le Olimpiadi di Tokyo di quest’estate. “Ovviamente vorrei partecipare. Sarebbe ipocrita dire il contrario.”, Ha detto il campione olimpico 2008 nella 50 km rally venerdì in pole Gazzetta dello Sport.

“Continua ad allenarti”Il 36enne aggiunge, il giorno dopo la decisione di licenziamento è stata annunciata a suo favore da un giudice italiano, il quale ha ritenuto che i campioni prelevati nel 2016 avrebbero potuto essere modificati. Nel suo ordine, questo giudice è considerato da Bolzano (Nord) con “È altamente affidabile che i campioni di urina siano stati prelevati il ​​1 ° gennaio 2016 […] È stato modificato per ottenere un risultato positivo. “, E così via “Per ottenere la squalifica e screditare l’atleta”Secondo l’agenzia italiana AGI.

Già appeso nel 2012

Poco prima delle Olimpiadi del 2016, il Tribunale arbitrale sportivo (CAS) ha confermato la sospensione di otto anni di Alex Schwitzer, che era risultato positivo agli steroidi anabolizzanti. I campioni prelevati il ​​1 ° gennaio 2016 hanno inizialmente dato risultati negativi, ma una nuova analisi a maggio ha rivelato gli effetti dei prodotti dopanti. Schwazer era già risultato positivo all’EPO prima delle Olimpiadi di Londra nel luglio 2012 ed è stato sospeso per tre anni e nove mesi.

Il Comitato Olimpico Italiano (CONI) ha preso atto della decisione della magistratura italiana assicurando che darà seguito al caso con Interesse e interesse per valutare potenziali sviluppi a tutti i livelli.. “È dovere di tutti i partecipanti a questa storia chiarire tutto e rimuovere ogni dubbio”.Ha aggiunto in una nota il presidente del CONI Giovanni Malago.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *