Il destino straordinario di Katrina Patchett, più francese che australiana

Ricorda che era rannicchiata nel petto e il suo cuore batteva forte. Gli applausi si placarono, la musica si sentì e lei saltò fuori dal nascondiglio. Era un look con un corsetto di strass, un vestito fucsia e un sofisticato panino biondo. Il 12 febbraio 2011, i fan di TF1 hanno scoperto Katrina Patchett in balla con le stelle. L’atmosfera di Ellis Island all’inizio del XX secolo era distorta nel suo splendore. La coreografia funzionava Non parliamo americano. Il signor Pokora ha interpretato un francese arrivato negli Stati Uniti e bim! , il suo compagno – io – è cresciuto fuori dal bagaglio, “Ci rinfresca la memoria, più di undici anni dopo.

C’era fantasia, animazione, in questo spettacolo teatrale, ma questo primo spettacolo aveva anche ogni briciolo di allegoria, probabilmente inconscio. Poiché la biografia della ballerina lo testimonia, sembra che per lei sia stata coniata la frase “vivi nella borsa”.

Il viaggio inizia a 14.267 chilometri dallo Studio 217 a Plaine Saint-Denis (Seine-Saint-Denis). Direzione Perth, Australia, dove Katrina Patchett è nata il 12 dicembre 1986. I suoi genitori, inglesi e australiani, hanno formato a lungo una delle coppie di danza sportiva più rispettate al mondo. riferimento. Ritirandosi dalle competizioni, si stabilirono in questa città portuale nell’ovest del paese e aprirono la loro scuola di ballo nel 1983.

Dov’è il partner?

La piccola Katrina ha mostrato molto presto il desiderio di seguire le loro orme. Le assicurò che non era in alcun modo obbligata a seguire la loro strada, anzi: “I miei genitori non volevano che iniziassi così giovane, ma non potevano fermarmi. Quando avevo due anni, ho chiesto di un compagno per partecipare alle gare Mi hanno detto di aspettare fino a 6 anni. ” ), et elle découvre alors l’effort, la rigueur, Tech. La mattina del suo sesto compleanno, in un piccolo uragano, è caduta in la stanza di suo padre e sua madre Patchett. “Dov’è?” ” ” Da ? “Dov’è il compagno?” »

READ  Gli immigrati italiani hanno festeggiato le loro radici nel fine settimana

Ci vorrà del tempo per trovarlo. Perché i ragazzini che ballano non corrono per le strade di Perth e altrove. “Poiché ero alto per la mia età, i miei genitori scelsero, tra i loro studenti più grandi, un ragazzo fisicamente compatibile con me, Adrian. Con quest’ultimo, che rimane suo amico fino ad oggi, vinse il suo primo campionato nazionale all’età di sette. Katrina cresce e cresce anche il suo gusto per la competizione. Suo padre la avverte: “Tranne le gare, non metterti in mostra, altrimenti le danze sono finite. D’altra parte, una volta messo piede a terra, chiediti chi sarà il secondo dietro di te oggi. »

“O rimani in stasi o te ne vai”

Alle 15, prima valigia, prima grande partenza. A Melbourne, dall’altra parte del paese, ha ballato con un compagno di otto anni più grande di lei. La loro collaborazione è durata un anno. “Dopodiché, mia madre mi ha detto: ‘O rimani in stasi o te ne vai’. I miei genitori erano in contatto in Europa, dove il circuito è eccellente. “Ero in contatto con una ballerina danese, ma non l’ho fatto sapere se ero pronta a lasciare il mio paese”, dice Katrina Patchett. “.

La sua procrastinazione finisce nel centro commerciale. “Mia madre è andata a fare la spesa”, dice la ballerina. “È tornata mezz’ora dopo e ha detto: “Va bene, hai preso il biglietto aereo, parti tra due settimane”. Ha scelto l’opzione dove, per dodici mesi, potrei comprare un reso il giorno prima per il prossimo. Non ne ho mai avuto bisogno. “E poi lei sente “buona adrenalina”. Dato che ha 16 anni, si sente “davvero un adulto”. Pensa: “La mia carriera inizia ora. »

READ  SallesObscures.com - Il Festival del cinema sloveno (29 settembre - 2 ottobre) svela il suo programma (02/09/2022)

strani lavori

Agosto 2003, sbarca in Danimarca. Mentre recupera la sua borsa, non le è mai venuto in mente che avrebbe visto la neve per la prima volta nella sua vita in pochi mesi. Non è una vacanza che lo aspetta. A sei-otto ore di allenamento al giorno, aggiunge lavori saltuari e riduce al minimo le ore di sonno. “Ero una donna delle pulizie, consegnavo i giornali con una giacca dalla testa ai piedi alle 5 del mattino e lavoravo al 7-Eleven [une épicerie], lei elenca. La mia famiglia non era ricca ma hanno fatto di tutto per sostenermi. Ho cercato di mostrare ai miei cari che mi sono offerto anche per ringraziarli dei loro sforzi. »

Tre anni dopo, arriva quella che lei descrive come “la storia più bella”. È a Brighton (Gran Bretagna) per trovare un nuovo partner. Le hanno dato il nome di questo francese, che lei non conosce. Maxime Sogna certo. Lei ha 19 anni e lui 24 anni. Si è appena separato dal suo compagno, con il quale ha vinto otto volte i campionati francesi di danza. “Non sono mai stato innamorato. Ma ho fatto tre passi di danza con lui e sapevo che avrei lavorato con lui. È stato fantastico. Tre giorni dopo mi sono trasferito in Francia. Cinque mesi dopo abbiamo vinto il campionato nazionale”.

ricominciare ancora e ancora

Poi il duro colpo. “Maxim ha deciso di prendere un’altra direzione nella sua carriera che non includeva me”, ha scansato. Prende le valigie: Hong Kong, Slovenia, Italia… Si sente un po’ disperata: “Volevo una base su cui costruirmi. Stavo perdendo tempo dovendo sempre ricominciare da zero”.

READ  Un viaggio immobile nella Palermo solare e tossica

Nel 2010, mentre stava trascorrendo un fine settimana a Parigi, il suo compagno italiano dell’epoca le inviò un SMS. per porre fine alla loro collaborazione. Colpo duro, ripeti. Mai più. “Quante volte me lo prenderò in faccia? Pensa. Quel giorno, Maxime Deremes era seduto di fronte a lei. Le dice che questo è un segno che dovrebbe collaborare di nuovo con lui. Passa la notte pensando: annotando su carta le condizioni per ballare di nuovo insieme, le accetta Un mese dopo, le udienze balla con le stelle Cominciato.

Non parla una parola di francese. Imparerà quindi la lingua da sola, senza prendere lezioni, e chiederà ai suoi interlocutori di ripeterla ogni volta che sbaglia di pronuncia o di sintassi. Ma al momento dei test, si blocca. Il direttore del casting Maxime Deremes chiede: “Abbiamo lo stesso fisico e lo stesso livello di danza – ma chi parla meglio il francese? Risponde: “Se ce ne fosse uno, non sarei andato in Australia per trovarlo. »

“La mamma chiama Maxim mio figlio”

“Tra tutti i miei partner, Maxime è quello con cui posso esprimermi meglio e viceversa. È più di un mio amico, è mio amico, mio ​​fratello. E Catherine Patchett insiste che questa non è una foto. Mia madre, che lo chiama ‘mio figlio’, verrà nella mia Francia alla fine dell’anno e festeggeremo il Natale con la famiglia Maxime.

ritorno di fiamma. Le è giunta la tanto attesa chiamata: sarà infatti una delle ballerine professioniste balla con le stelle. “Sono appena tornato in Francia. Lavoravo di notte in un bar. Non avevo soldi. Quando mi hanno detto che sono stato prelevato, sono andato al supermercato di fronte, ho preso la bottiglia più economica e mi sono versato una tazzina da arrostire da sola, su un’area di 15 mq con vista sul cimitero. Il quadro sconvolgente”, ride, ripensandoci.

Sulla sua stessa nuvola, teme una tempesta quando annuncia la notizia ai suoi genitori. “Temevo che li avrebbero sminuiti, che avrebbero potuto risentirsi per non aver vissuto la mia carriera competitiva fino alla fine”, ammette. “Pff, non è una vera danza”, ha evitato, a causa della forma, suo padre, che mette la tecnica al primo posto. Catherine Patchett rassicura subito: “Erano orgogliosi e felici per me che potevo guadagnarmi da vivere ed essere riconosciuta nella danza. »

Ballando con tutte le stelle in Australia

La ciliegina sulla torta, al braccio del signor Pokora, ha vinto, il 19 marzo 2011, la prima stagione di balla con le stelle. Seguiranno altri nove, con partner con le caratteristiche e il talento di ballerini diversi come Cedric Paulin, Brian Joubert, Ibrahim Zahibet e Vincent Nicole. È apparsa in tutte le versioni, tranne l’anno scorso. E per una buona ragione, Waltz era nella versione australiana. “Non era previsto. Ero tornato in Australia durante il mio secondo confinamento e volevo cogliere l’occasione per vedere la mia famiglia. Quando ho saputo che la stagione di All Stars si stava preparando, ho mandato un’e-mail al produttore, dieci minuti dopo sono stato scelto E per spiegare questo rapido reclutamento: “Conoscevano già la mia testa e il mio ballo, perché la versione francese, dopo quella americana e quella britannica, è una delle migliori al mondo e la più scrutata. »

Per la dodicesima stagione, lanciata venerdì su TF1, torna sotto i riflettori francesi. Avverte: “Non lo vedo come un concorso ma come intrattenimento”. Se vinco il secondo titolo va bene, ma non è questo che mi motiva oggi. Voglio dare il meglio di me nel mio lavoro, mettere in luce gli artisti, rispettare la loro immagine, evidenziare i loro punti di forza e nascondere il più possibile le loro debolezze. »

Quale pensi sia il suo marchio? “Sono stato fortunato perché ho imparato a ballare fin dall’inizio in uno stile molto tecnico. Poi ho questo lato un po’ stravagante, molto espressivo, in stile americano dell’anglosassone, che ama esibirsi. Quando sono arrivato in Francia, Ho dovuto adattarmi un po’. A prima vista, le persone sono più conservatrici. . »

per il francese

Tuttavia, la maggior parte degli australiani è diventata francese. I suoi amici glielo hanno detto quando hanno notato la sua padronanza delle espressioni a tre colori: durante la nostra intervista, siamo sorpresi di sentirlo dire “Rebelote”. “Sono anche molto francese, nel senso che amo il formaggio, il vino e le cose raffinate. In Australia si mangiano pasti abbondanti [elle mime ce qu’on imagine être un gigantesque burger dégoulinant de fromage et de sauce]Amo il gusto. »

Sentiti libero di richiedere la cittadinanza francese. Ho la cittadinanza britannica e australiana. Quando sono arrivato in Europa, avevo un passaporto europeo. E poi c’è stata l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Ho dovuto richiedere un permesso di soggiorno. L’ho trovato pazzesco, vivere e pagare le tasse in Francia da oltre dieci anni. Continua: “Dato che ti sono concessi solo due passaporti e non c’è modo di rinunciare alla mia cittadinanza australiana, dovrò rinunciare alla mia cittadinanza britannica. È difficile per me pensarci simbolicamente in relazione ai miei genitori. Ma , allo stesso tempo, voglio vivere in Francia fino alla fine della mia vita, quindi è una vera domanda da pormi. Dopo aver ottenuto il permesso di soggiorno decennale, si è concessa il tempo per pensarci.

Per quanto riguarda il futuro della sua carriera, Katrina Patchett conosce già le risposte. Il suo obiettivo: tenere un piede nella danza e mettersi alla prova. Ha fondato la sua azienda per sviluppare attività legate alla direzione tecnica. “Sfido costantemente me stesso. Penso che derivi dal mio spirito competitivo. Non voglio essere tenuto a bada. Voglio aprirmi ad altre cose. Prepararsi sempre per quello che sta arrivando. “Le idee e i progetti sono pieni di Borsa.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.