Il corpo macchina è progettato per il funzionamento

cacciatori perpetui

È per sfuggire ai predatori, ma soprattutto per sfamare il proprio clan, quegli esseri umani della razza abbassare A poco a poco sono diventate vere macchine da corsa.

“Tutti i carnivori devono correre per catturare la loro preda”, continua Daniel Lieberman. Non capisco perché gli umani siano un’eccezione. Tuttavia, non è facile catturare un cervo, una gazzella o una zebra in una corsa veloce.

Senza armi (le prime lance sono apparse solo 400.000 anni fa), quindi i nostri antenati hanno scommesso su una tattica formidabile: cercare l’esaurimento! Il piano era di rincorrere a lungo un animale per riscaldarlo fino a farlo crollare.

Perché la corsa genera molto calore e “se il calore viene prodotto più rapidamente di quanto non venga dissipato, la temperatura corporea aumenta”, ha spiegato David R. Carrier, un biologo leader nello sviluppo della morfologia umana, in uno studio sull’argomento da lei pubblicato . Antropologia attuale nel 1984.

Inseguendo l’animale nelle ore più calde della giornata, è pronto ad infastidire e cerca di fermarsi il più velocemente possibile per abbassare la sua temperatura corporea ansimando. Tuttavia, seguendo le tracce lasciate dalla bestia, il cacciatore può inseguire la sua preda per diverse ore, finché diventa troppo caldo per continuare.

E proprio perché gli umani hanno una capacità unica di evitare il surriscaldamento, sono i vincitori in questo gioco. “Sudiamo di più per unità di superficie rispetto a qualsiasi altra specie, grazie alle ghiandole sudoripare che non hanno eguali nel mondo animale”, afferma David R. Carrier. E a differenza della maggior parte degli animali, non abbiamo quasi peli.

“Inoltre, mentre i quadrupedi devono respirare una volta per passo perché i loro polmoni sono compressi durante la corsa, una persona bipede può respirare più liberamente durante la corsa, il che migliora l’apporto di ossigeno al corpo”, aggiunge il biologo.

READ  Gli scettici sui vaccini nei Balcani rendono la vita difficile alla scienza | Scienza | Notizie | il Sole

Tutti questi adattamenti hanno permesso all’uomo di praticare la caccia alla fatica per migliaia di anni fino alla fine del XX secolo, quando molti popoli indigeni, come i Boscimani in Sudafrica, i Tarahumara in Messico, i Navajo negli Stati Uniti o gli aborigeni in Anche l’Australia cacciava ancora le prede. . Questa tecnica è stata documentata anche dall’antropologo Louis Liebenberg che è stato coinvolto in diverse cacce all’esaurimento nel deserto del Kalahari negli anni ’80 e ’90. Oggi questa pratica sta diventando sempre più rara, perché l’uso dei fucili a pompa è stato un punto di svolta, ma quella straordinaria resistenza lo ha fatto. non scompaiono.

Ancora meglio, stiamo costantemente facendo un passo indietro dalla frontiera. Nel Queens, a New York, i concorrenti completano ، gara di 3100 migliamile (4.989 km) in 52 giorni, facendo 5.649 giri di un isolato vicino a Central Park. Da ottobre 2009 a ottobre 2010, il velocista francese Serge Gerard è andato ancora oltre, correndo 27.012 km in un anno, o l’equivalente di 74 km in un giorno! Qual è la distanza quotidiana che il corpo umano può sopportare in questo modo? “È difficile dirlo”, risponde il fisiologo Guillaume Millet, perché il nostro cervello ci protegge dai nostri stessi eccessi e ognuno reagisce in modo diverso alla fatica. Gli unici veri limiti, aggiunge Millett, sono il sonno e il calore insufficienti, che possono causare allucinazioni, errori di calcolo e infine la morte.

In entrambi i casi, tutti probabilmente trarremmo beneficio dal riconnetterci con il corridore statico, sotto gli strati della civiltà moderna, dentro ognuno di noi. “Non siamo geneticamente creati per essere stabili”, insiste Jay Thibault, direttore delle scienze dello sport presso il National Institute of Sport in Quebec. E ho bisogno di percorrere distanze inimmaginabili per beneficiare degli effetti della corsa, perché oltre a migliorare il sistema muscolo-scheletrico, l’attività fisica agisce come antidepressivo, riduce lo stress e facilita il sonno.

READ  Scienza, ciclisti, agricoltura, canto ... la piccola Haute Vienne

Sei pronto a indossare scarpe di tela?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *